Blog: http://ZONALIBERAta.ilcannocchiale.it

Nuova 500, BASTAAAA!


E’ ufficiale, la nuova 500 ha veramente rotto i cabasisi (come direbbe Montalbano).

In questi mesi l’abbiamo vista esposta dappertutto, i pubblicitari Fiat l’hanno messa: nei centri commerciali, nelle feste di piazza, nelle manifestazioni ovunque ci fosse stato un pò di metri quadrati liberi. C’è gente che ha paura di ritrovarsela nell’androne del palazzo la sera quando torna dal lavoro.

Addirittura si sono visti sindaci e assessori farsi le foto, manco fosse il David di Michelangelo.

Si sono sentite parole come orgoglio italiano (dobbiamo essere orgogliosi di un auto?) oppure un simbolo italiano, e altre vaccate simili. E’ innegabile il successo della prima 500 e di tutto ciò che ha rappresentato nel passato, ma oggi nel 2007 che senso ha, è come voler ripristinare l’entusiasmo per l’invenzione della stampa, oggi che è l’era di internet.

Per non parlare dello spot televisivo (fà vomitare anche a stomaco vuoto), al quale ha prestato la voce Tognazzi (peccato lo stimavo), si è paragonata la 500, che ricordo è sempre un auto e non Garibaldi, a eroi come Falcone e Borsellino, che se avessero saputo di dover fare questa fine si sarebbero dedicati alla lotta della potentissima organizzazione delle teste di c…(che, come si dimostra, in Italia ha preso ormai il potere da anni in tutti i settori).

Io non c’è l’ho con la Fiat (forse un poco si), ma parliamo di cose concrete. La 500 costa in media sui 14.000€, la Seat Ibiza 8.500 (la base) e la 500 è un guscio di noce. Si potrebbero fare tanti esempi dove la 500 perderebbe alla grande, ad esempio le auto coreane o le auto cinesi che stanno arrivando (un suv costa circa 15.000€) . Inoltre viene presentato come prodotto italiano ma viene fabbricato in Polonia.

La Fiat potrebbe fare a meno di spendere soldi per queste cose e investirli per migliorare la tecnologia dell’auto, l’idrogeno ad es.(una volta era ai primi posti, inventò il ceck-up elettronico del motore, fu prima di quella disgrazia chiamata Romiti), non deve fare come per la Panda, soldi buttati per la Parigi-Dacar e alte inutili manifestazioni. 

Pubblicato il 29/9/2007 alle 18.5 nella rubrica Satira di difesa 3.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web