.
Annunci online

TUTTI PAZZI PER IL LODO.

Satira di difesa 29/9/2008


Certo che gente come Sansonetti (direttore di Liberazione) e l’AnonimoPolito (direttore dell’altrettanto anonimo Riformista) viene sempre sbugiardata dai fatti. Questi omuncoli, che dovrebbero rappresentare in Italia l’opposizione, non persero tempo a schierarsi con il NanoDelleLibertà(sue) al grido “Diamogli il Lodo”, durante il Tg1 di Riotta. La tesi portata avanti da questi fantomatici direttori era che “se Ciuffone si mette a posto i processi, poi penserà ai problemi del paese”, e hanno avuto pure il coraggio di scriverlo nei loro giornali. Alla faccia dell’opposizione.

In pratica si era messo su una specie di baratto, la Costituzione in cambio della libertà al fine di ottenere un governo che si occupi più del paese e non dei guai del premier. Ovviamente il Pd stava a guardare senza dire niente, e che sono opposizione loro ?, anzi erano disposti a “dialogare” addirittura facendo diventare il lodo costituzionale. Ciuffone, che ne dice e ne fa tante di cazzate, questa qui per fortuna l’ha fatta senza seguire “l’opposizione” ombra. Così a Lodo Alfano firmato si esulta e i fantomatici oppositori credevano che fosse finita. Illusi.

E già perché al ricatto non c’è mai fine, e che facciamo poi immunizziamo le quattro alte cariche dello Stato e i ministri no? E che sono figli della serva ? E allora ecco il lodo Consolo anche per loro. Ed è giusto! Scusate ma perche mai i nostri ministri, i quali giustamente per fare carriera politica hanno dovuto delinquere, devono andare in galera in virtù dei loro meriti? E no e che vogliamo la legge uguale per tutti, non sia mai! subito l’immunizzazione. Di questo passo giustamente anche i “semplici “parlamentari vorranno il loro bel lodino, sapete com’è fa molto figo. Dato che anche loro non sono figli della sopracitata serva, immunità anche li.

Da lodo a lodo si arriverà fini agli amministratori locali, sindaci e assessori tutti immuni. A questo punto il criminale semplice, quello che non ricopre incarichi pubblici s’intende, che fa ? Perché lui deve essere discriminato, infondo anche lui delinque come gli altri, non è mica il figlio della serva. E allora si faccia un maxi lodo anche per lui, magari lo chiamiamo “Lodo Cuffaro”, che suona bene e così anche gli “amici” capiscono. Insomma così risolveremo almeno il problema del sovraffollamento delle carceri, anche se poi avremmo esuberi tra i secondini.

In questa sagra della cialtroneria, per ora in parte solo immaginata da me, subentrano delle dichiarazioni purtroppo molto reali. Lo ScelleratoWalter, sembra essersi svegliato, si mette a parlare su Repubblica di “democrazia svuotata dall’interno”, tesi condivisibile ma a dirla fu Sartori durante la campagna elettorale. Il leader del partito fantasma parla senza ritegno di “modello Putin” per l’Italia, come se lui e il suo partito non fossero in parte responsabili. La sinistra in questi anni è stata la prima a soccorrere il NanoInLibertà, quando era in difficoltà. Hanno votato anche loro leggi vergogna e promosso l’indulto per salvare Previti. Certo che ci vuole una faccia come…il premier per fare certe affermazioni.

NOTIZIARIO MANICOMIO.

Satira di difesa 25/9/2008

ORE 11:00 – Julia Roberts presenta a Roma il suo nuovo film “Un segreto tra noi”, la Roberts descrive così : << Questo film è chiaramente di fantasia, tratta di un imprenditore che si fa prestare soldi dalla mafia, e tramite le sue amicizie massoniche fonda un impero pubblicitario e televisivo, - e esterrefatta aggiunge – pensate riesce addirittura ad essere il presidente del consiglio del suo paese, folle !!>>.

ORE 13:35 – […] "Il Ponte sullo Stretto - ha detto Berlusconi - era stato annullato con cinque minuti di esame quando il ministro ecologico ha detto che avrebbe dato fastidio alle millenarie rotte dei delfini. Il governo di sinistra non poteva dirgli di no altrimenti sarebbe caduto e invece poi è caduto per altri motivi". Il premier ha confermato che la società per la realizzazione del ponte è stata "riesumata" e ha confermato che il governo sta studiando la nuova partenza del progetto "che sarà realizzato - ha detto Berlusconi - da sole ditte italiane". In tema di infrastrutture, Berlusconi ha sottolineato che "lo Stato deve far prevalere le sue necessità sulle spinte anarchiche". Secondo il premier "il no all'apertura di trafori e di termovalorizzatori sono la via verso l'anarchia". (ANSA, 20 settembre 2008, non sto inventando niente!!).

ORE 14:00Veltroni si è opposto ! Incredibile per molti italiani ma sembra che finalmente Veltroni abbia alzato la voce e si sia opposto. << No, non ci sto !>> questo sembra che abbia detto Veltroni al suo sarto personale quando si è opposto e poi ha aggiunto << possiamo dialogare magari sono disposto anche a dimagrire, ma la giacca deve essere di spalle più larghe>>.

ORE 15:00 – La CAI fa una nuova importante offerta Ai dipendenti, oltre al “vantaggiosissimo” contratto propongono per ogni dipendente un caffè con sputazza dentro, un libro scritto da Bondi e un calcio nel culo. I sindacati trattano, “passi per il caffè e il calcio, ma il libro di Bondi no e che cazzo”.


CASA DI CURA RAI.

Informazione 23/9/2008


La tv è folle, la Rai un manicomio.

Porta a Portese
è tornata e alla grande. L’UntuosoVespa sembra aver trovato la formula giusta per fare un edizione ancora più schifosa delle precedentI. Sembra incredibile, ma ci è riuscito. Chi ha detto che “il politico deve aver paura del giornalista” deve definitivamente ricredersi, la stagione 2008/2009 si preannuncia peggiore dei filmati Luce, quelli con il Duce a petto nudo, tanto per capirci. Il super nonno premier, col vizietto per le nipotine, inaugura la prima puntata piena di complimenti, inondazioni di saliva e un po’ di hard con spadaccine che si farebbero “toccare, ma veramente” . Il governo ha in pratica risolto tutti i problemi, ha già fatto tutto, stiamo tutti bene. Fanculo ai comunisti che fingono la fame.

Nella puntata di ieri, del demenziale show, l’Untuoso ospita il ministro della fù istruzione, la TagliolaGelmini con la sua benedetta riforma. Notare bene che ha fare da opposizione c’era un insegnante, mica il Pd, non sia mai venisse meno il dialogo. Tanti complimentoni alla ministra, telefonata in diretta della sua maestra, la quale nonostante l’età, e i tanti allievi avuti, di quella bambina si ricorda benissimo. I nottambuli, che avevano aspettato fino alla fine della puntata per sapere del tentativo, della Tagliola, di comprare l’esame da avvocato a Reggio Calabria, beh sono rimasti a bocca asciutta, neanche una parola. Al sarto Bruno manca solo lo JettatoreTremonti come ospite, già immagino il nostro brandire, a mo di mestolo di Cogne, la pistola spara supposte tanto cara al ministro.

La tv e folle, la Rai un manicomio.                                                                  

Raidue sarà ribattezzata “Rai Ventura”, ormai fa tutto lei, non ci sono più idee e con l’arrivo del programma di Paragone, vice di Feltri a Libero ex direttore della Padania, sembra che stia scavando nel fondo. Proporrei alla Ventura di condurre un programma unico, un “QuelliCheIsolaFactor”. Tanto ormai la Ventura, la De Filippi della Rai, ha messo su un vero e proprio collocamento per “artisti” che speravamo averci tolto dai coglioni, ma puntualmente, come una colite, tornano. “Quelli che” è usato per pubblicizzare altri programmi della Ventura. Vedi gente che per andare in onda è disposta a fare qualsiasi cosa, tranne andare a lavorare. Si umiliano, cercano di fare sketch comici, ma falliscono perché incapaci. All’epoca della Corrida di Corrado, il dilettante allo sbaraglio faceva la sua esibizione goliardica senza pretendere di fare carriera. Questi “vip” invece sono cialtroni, ma si atteggiano a professionisti, è questo il grave.

La tv è folle, la Rai un manicomio.                                                                    

E così tra un offerta-minaccia della CAI, un governo che accusa i sindacati e “consiglia” di firmare, un opposizione che accusa il governo ma “consiglia” di firmare, si arriva a martedì tocca a Ballarò. Uno dei temi è l’Alitalia e chi ti ospita Floris ? Scajola. Si avete capito bene, Scajola. Quest’uomo con una faccia come il culo parla di serietà, da parte di tutti, nel gestire la delicata situazione. Inneggia alla responsabilità, proprio lui che obbligava la compagnia di bandiera a fare un volo, non redditizio, pur di atterrare ad Albenga, vicino casa. Ormai il telespettatore è inerme, resta inebetito, cioè l’espressione intelligente di Gasparri, mentre viene preso totalmente per il culo.


P.S. Scusate la volgarità, ma non l’ho fatto apposta, mi è scappato un “Gasparri” a freddo.


COMUNQUE VADA SARA’ UN SUCCESSO…..

Informazione 20/9/2008



Se questo è il governo più popolare che abbiamo avuto nella nostra storia, c’è da stare freschi. Una cosa è sicura è il governo con il più alto tasso di cazzate dette e non smentite dalla stampa. Ormai non si riesce a starci dietro ogni giorno, o ogni ora, c’è qualche emerita testa di…ministro o portavoce o premier che spara una vaccata gigantesca, assurda, che non sta ne in cielo ne in terra. Ma tranquillamente essa passa nei nostri organi di informazione senza una smentita di un qualche giornalista.

Ovviamente parlo della Tv soprattutto. In questi giorni se ne vedono e sentono di tutti i colori. Il NanodelleLibertà(sue) in Inghilterra dice ai giornalisti che l’Italia non ha problemi economici, è un paese ricco e agiato a altre belle stronzate. Ovviamente i giornalisti inglesi non ci credono, loro hanno i dati veri sul nostro paese. Ma invece nei nostri tg sparano l’emerita minchiata tra le prime notizie senza che un inviato dica che Ciuffone sta delirando. Può succedere alla sua età, ma niente.

Come non parlare della TagliolaGelmini. I sondaggi-sola di Ciuffone l’Arcoretano danno la ministra tra i ministri più amati, senza aver fatto ancora niente…per fortuna. Ebbene la Tagliola ovunque vada riceve valanghe di fischi e dissensi, peggio di quelli che subiva Prodi un anno fa, in certi casi addirittura chi manifesta contro viene fermato e identificato dalle forze dell’ordine. E meno male che siamo nell’era delle libertà. Comunque anche in questo caso le italiche televisioni mostrano applausi scoscianti di aule semi vuote (raramente si arriva al centinaio di persone come a Venezia). Mentre invece dei manifestanti si vedono immagini a caso, con spiegazioni alla supercazzola scappellata di Tognazzi. Una cosa chiara è l’indignazione del FidoFede, il quale si mostra disgustato da questi poveracci che non capiscono il disegno del SupremoNano.

Con Alitalia poi la situazione è al limite della demenza, se non della follia totale. Il telespettatore medio italiano viene violentato dalla faccia da segaiolo beccato dalla mamma di SacchettoSacconi, il quale con tono severo alla Frau Blücher in Frankenstein Junior ( gli manca solo il nitrire dei cavalli ) afferma che sono tutti matti che nessuno dei dipendenti capisce la grandezza dell’offerta della CAI, i sindacati poi sono degli assassini. Il ministro, sembra incredibile ma è ministro, viene aiutato dal servizievole Tg1 e Tv7, ma in linea generale su tutte le tv passa la linea “dipendenti farabutti”, mentre la Banda dei Soliti Noti (ovvero la cordata italiana) passa per i “grandi manager che vogliono salvare Alitalia” , pensate in diciotto hanno messo 300  milioni di di euro…che sforzo. Nessuno che dica che il grosso errore dei sindacati è stato quello di far fuggire Air France, per credere alla cordata del NanoinLibertà, che infatti l’ha costruita solo dopo aver vinto le elezioni sospendendo le regole antitrust. Nessuno spiega l’anomalia che chi vende un azienda non può mettere su anche la cordata di imprenditori per acquistarla, soprattutto se è lo Stato a vendere.

Insomma quello che succede è che la nostra tv è diventata una sorta di Re Mida. Trasforma fallimenti e figure di merda in successi strepitosi. Quello che semplicemente non può trasformare perché è troppo lo omette, anche in tv c’è un limite alla decenza. Quanti minuti sono stati dedicati al fallimento di Catania? La città dove Scapagnini, medico del Ciuffone, è scappato facendosi eleggere in parlamento? Quasi zero. E del MaialinoBorghezio che va a Colonia ad una manifestazione xenofoba e razzista ? Niente anche qui, una manifestazione proibita in larga parte dal sindaco che giustamente afferma <<La città è intollerante con gli intolleranti>>.

Il nostro MaialinoBorghy non solo fa fare al nostro paese una figura pessima, ma si meraviglia del divieto e ha anche il coraggio di affermare alla stampa che la manifestazione è «stata un'iniziativa simile a cento di quelle che la Lega tiene in Italia contro la costruzione di nuove moschee». Purtroppo il nostro è abituato male, è abituato all’Italia.

I NOSTRI MIGLIORI UOMINI.

Pensiero Orrendo nasce un poco strisciando 17/9/2008

“Intervenendo al comitato costituente del Pdl, il presidente del Consiglio ha ribadito poi la sua posizione sulla legge elettorale per le europee - sbarramento al 5 per cento e liste bloccate, senza preferenze[….]"il sistema delle liste bloccate permette di avere professionisti che possono autorevolmente rappresentare il Paese all'interno delle commissioni del Parlamento europeo". Le liste bloccate, secondo il premier, <<selezionano chi rappresenta autorevolmente gli interessi europei ma soprattutto italiani>>.” (la Repubblica, 17 settembre 2008).

L’eurodeputato del controverso partito italiano Lega Nord Mario Borghezio, che attualmente è uno dei principali alleati del governo di Silvio Berlusconi, si è detto entusiasta dell’arrivo di Arnaldo Otegi (NdT Indipendentista basco, ex membro dell’ETA) nel nord Italia e ha assicurato che lo riceverà <<a braccia aperte>>.” ( Quotidiano spagnolo ABC, 12 settembre 2008).

"Ci rivolgiamo a voi con una richiesta di miglioramento della qualità della vita in Senato. La buvette non è provvista di gelati. Noi pensiamo che sarebbe utile che lo fosse e siamo certi di interpretare in questo il desiderio di molti. E' possibile provvedere? Si tratterebbe di adeguare i servizi del Senato alle esigenze della normale vita quotidiana delle persone. In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti". (lettera ai questori di Palazzo Madama di Buttiglione –UDC e Albertina Soliani – Ulivo, 7 giugno 2007).

“L'iniziativa [parlamento pulito, ndr] è continuata anche dopo le elezioni politiche del 2008, interessandosi così anche ai parlamentari neoeletti e rieletti di tutti i partiti, per la prima volta presenti in Parlamento senza essere riuniti in raggruppamenti politici o parlamentari. Ne risultano 18 condannati definitivi (compresi quelli che hanno patteggiato la pena), di cui 16 di centrodestra e 2 di centrosinistra, per la prima volta in diminuzione dall'inizio di Parlamento pulito.” (da Wikipedia l’enciclopedia libera).


HA DETTO CHE CI PENSA LUI…..

Satira di difesa 15/9/2008



<<E almeno la miss l’abbiamo scelta bene>> abbaia SacchettoSacconi ad una sbigottita sala stampa, i giornalisti non hanno idea a cosa si riferisse, ma dato che sono privi di sacco scrotale per chiedere lo fanno continuare. << La nuova miss piace a tutti i sindacati dei lavoratori di Alitalia >> aggiunge ancora SacchettoSacconi, ma ancora i giornalisti presenti non hanno capito cosa cazzo vuole dire. Molti si rivolgono alla badante straordinaria Fantozzi, in cerca disperata di spiegazioni, dato che è dati tempi di Gasparri ministro che non si sentiva qualcuno delirare così.

<< Purtroppo il ministro SacchettoSacconi ha confuso Miss Italia con Miss Alitalia, che non è mai esistita tra l’altro >> Dichiara il commissario-badante straordinario Fantozzi, e aggiunge << Purtroppo dopo la riunione con i sindacati, gli è partito un embolo e delira>>.

<< Come mai ?>> domanda la stampa presente con un po’ di bava appesa alla UntuosoVespa.

<< Beh diciamo che i sindacati hanno detto che il nuovo contratto di lavoro possiamo ficcarcelo nel cu…valigia. Quindi il ministro a causa dello stress per aver pensato alla soluzione, pensate ben 20 minuti non aveva mai pensato così a lungo, ha iniziato a sparare cazzate >>.

<< E i familiari ?>> Domanda la stampa, mentre la saliva sta sommergendo tutti.

<< Non hanno notato la differenza>> dichiara secco Fantozzi.

A questo punto la nostra stampa, ma che dico il nostro giornalismo tutto, sa cosa fare. Conscio della drammatica situazione prenderà i giusti provvedimenti per fare informazione : necessita intervista a Miss Italia! E infatti subito si va dalla Miss per raccogliere le prime dichiarazioni dopo la proposta di Sacchetto Sacconi.

<< Cosa ne pensa della proposta di Sacconi>> chiedono i giornalisti a Miss Italia, ormai la saliva è a livelli altissimi e necessita k-way per tutti.

<<Beh Sacconi non è il mio tipo, e poi lo dovrei prima presentare ai miei genitori – e mentre Mirigliani gli toglie le mani dalle mutande, aggiunge – sono una ragazza seria>>.

<< No ha capito male, la proposta è per diventare Miss Alitalia sa per aiutare l’azienda>>rispondono i giornalisti in canotto e braccioli.

<< Eh ma io sono nata in Italia non in Alitalia, lo chiedesse a qualche ragazza nata lì>>.

Al nostro premier, il NanoDelleLibertà(sue), giunge la notizia all’orecchio. In realtà è stato avvisato dal solito Giordano che gli parla da sotto la scrivania con la bocca piena. L’idea a Ciuffone l’Arcoretano piace,probabilmente è la sua alimentazione a base di viagra che lo fa pensare così, ma l’accostamento passera aereo lo stuzzica.

<< Allora Sandro che ne dici Miss Italia sarà il simbolo della nuova Alitalia! >> dice il NanoInLibertà rivolgendosi alla sua badante BingoBondi.

<< Ottimo presidente, e tu Gianni cosa dici? >> risponde BingoBondi rivolgendosi al suo badante Gianni Letta.

<<Mi piace, ma la Miss accetterà? >> domanda Letta con quella faccetta furbina da evasore fiscale.

<< Deve accettare ! O la costringerò alle dimissioni e in più cambierò la legge elettorale per Miss Italia, così la sceglierà direttamente il partito>> farnetica Ciuffone e aggiunge << Già ce lo vedo, altro che tricolore, sulla coda degli aerei Alitalia ci metteremo la figa di Miss Italia>> conclude con fierezza il premier.

<< La Figaa!!!???>> in coro rispondono i badanti.

<< SI la FIGA! Si sappia questa è la soluzione definitiva del governo per risollevare le sorti di Alitalia >> dice con tono deciso il NanoInLibertà ai suoi interlocutori.

<< Ma presidente è sicuro – dice preoccupato BingoBondi, e aggiunge – se vuole mi sacrificherò io, metteremo il mio culo sugli aerei>>.

<< Nooo! LA FIGA! LA FIGA! LA FIGA! LA FIGA!...... >>.

A questo punto vedendo il premier diventare blu, i badanti capiscono che il loro capo è andato in overdose da viagra. Per fermarlo decidono di tramortirlo con una copia dell’Unità con l’inserto del libro di Marco Travaglio. Lo lasciano riposare così vicino alla scrivania con Giordano ancora intento al suo lavoro orale. Smetterà solo la sera al calar delle tenebre, quando un altro giorno di lavoro del governo sarà finito.

NOTIZIARIO MANICOMIO.

Satira di difesa 10/9/2008


TEUPITZ – Incidente su un’autostrada tedesca vicino Teupitz. Un camion, che trasportava maiali, si è ribaltato. I maiali hanno invaso le corsie e bloccato il traffico. La polizia è ancora alla ricerca di un “maiale fuggitivo “. L’ispettore Montalbanen fa sapere : << Questo maiale è molto furbo, non è la prima volte che ci sfugge – e aggiunge – l’ultima volte che è scappato è vissuto per mesi sotto le mentite spoglie di ministro italiano per la semplificazione >>. DuMaroni allerta le autorità tedesche: << Siete sicuri di aver preso, mesi fa, il maia….ehm la persona giusta? – afferma il ministro all’ambasciatore tedesco, e aggiunge - Io è da mesi che rimprovero Calderoli di non rotolarsi nel fango>>.

DICK CHENEY – Visita in Italia del vice presidente americano Cheney, il quale nega di essere venuto per elogiare l’operato dell’Italia o altre bagianate simili. Cheney ammette d’avanti alla stampa presente a Palazzo Chigi : << Sono qui solamente per farmi sistemare il polsino destro della camicia dal vostro premier>>. E’ infatti noto che il nostro premier, il NanoDelleLibertà(sue) è diventato sempre più affettuoso con il leader stranieri. Dopo aver mostrato le foto di famiglia a Gheddafi. Dopo aver presentato le sue migliori “collaboratrici”, presenti nel troiaio forzista, a Putin. Ora sistema anche la camicia a Cheney e fa sapere all’amministrazione americana: << Ho anche il catetere per McCain, quando volete glielo cambio >>. Ma Cheney risponde:<< Grazie non c’è bisogno [mentre gli allunga 5 dollari nel taschino della giacca, ndr] ah e a proposito, anche con la collaborazione per “operare insieme per combattere le crisi nel Mondo, il terrorismo, la povertà” per cortesia pensate alla vostra di povertà piuttosto >>.

SANDRONE - E' completo l'identikit di "Sandrone", il parente stretto dell'orango che popolava l'Europa otto milioni di anni fa, quando era tropicale, e i cui ultimi esemplari sono stati scoperti 50 anni fa vicino Grosseto e in Sardegna, presso la centrale di Fiume Santo (Sassari). Alto un metro e dieci, è un oreopiteco (Oreopithecus bambolii). Era bipede ma le zampe corte e l'alluce molto distaccato dal resto del piede rendeva la sua andatura molto "incerta", aveva una testa piccola con due grandi occhi e con le mani si procurava il cibo, ed aveva una folta barba. Inoltre aveva una predisposizione a dirigere il “Foglio”, questa sembra la causa che lo ha portato all’estinzione.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cheney calderoli maiali teupitz

permalink | inviato da Liberazona il 10/9/2008 alle 16:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

PARLI UN FESSO ALLA VOLTA.

Satira di difesa 9/9/2008



Il ministro della difesa il BalillaLaRussa e l’attuale sindaco di Roma l’OrsoGianniParaculo la combinano grossa. Con grande strafottenza della storia, del passato del nostro paese, della gente che è morta per la libertà della nostra nazione. Questi omuncoli, durante il 65° anniversario della difesa di Roma dai nazisti, con una faccia come il culo ritengono opportuno difendere i fascisti, e far scattare quindi la solita solfa delle ragioni dei ragazzi di Salò e del fascismo buono. Tutto quel bel campionario di puttanate che sarebbe ora, visto che siamo nel 2008 e visti problemi che abbiamo, dovremmo metterci alle spalle definitivamente.

Sia chiaro i nostri due grandissimi figli di….lupa sono liberi di pensarla come vogliono, per carità, ma essendo essi rappresentanti delle istituzioni, e dato che la Repubblica Italiana condanna, come da sua Costituzione, il fascismo, farebbero meglio a omettere, soprattutto in pubblico, queste emerite minchiate. Non si vede da nessuna parte del mondo che un sindaco o un ministro, durante una commemorazione di eroi della patria, difenda chi aveva sterminato quegli eroi. C’è lo vedete Bush che durante la commemorazione dell’11 settembre difende “le ragioni dei terroristi” ? Oppure un ministro italiano che al posto di ricordare le vittime di mafia, omaggiasse i boss…..mai dire mai.

Poi anche questa stronzata del “fascismo buono fino alle leggi razziali”, ma andiamo basta su. Infatti il fascismo fino alle leggi razziali era stato talmente buono da : Organizzare un colpo di stato; Instaurare una dittatura; Manganellare ed uccidere oppositori politici e non; Togliere libertà di pensiero di stampa di parola di manifestare; Portare un paese in guerra. Insomma meno male che era buono, pensa se fosse stato leggermente cattivo. Basta con queste emerite vaccate per cortesia.

Siamo un paese che celebra sempre di più i criminali e sempre meno gli eroi che lo hanno creato, che ci hanno dato un passato glorioso, che si sono sacrificati per un qualcosa di più alto. Fa impressione la santificazione che ha subito Bettino Craxi, vero e proprio, ormai, martire tangentaro. E’ impressionate soprattutto come il grosso dell’informazione tenda a ricordare aspetti insignificanti di questo personaggio, ad esempio la sua passione per Garibaldi, omettendo il suo hobby per la mazzetta. Definendolo esule invece di latitante. Cosa bisogna fare in questo paese per essere ricordati come un criminale, o anche solo un pezzo di merda? Qualsiasi cosa si faccia, anche la più terribile, c’è sempre qualcuno pronto a difenderti pubblicamente.

La stessa cosa accade ormai da decenni per Mussolini e tutto quel contorno di fascisti, siamo nel 2008 e ancora bisogna ricordare queste cose, ancora con fascisti e comunisti. Questo revisionismo non risparmia niente e nessuno passa su tutto e su tutti. Passa sui cadaveri delle vittime di mafia in Sicilia, le quali piano piano, nella loro terra, stanno diventando sempre più scomodi, tanto da voler cancellare i loro nomi, e quindi la loro memoria, dagli edifici pubblici. Come è successo a Pio La Torre a Comiso, come si è rischiato troppe volte che succedesse all’aeroporto di Palermo “Falcone e Borsellino”.

Ma d'altronde siamo il paese dove il mafioso Mangano è un eroe. Dove si festeggia se la condanna è di tre anni invece che di cinque. Dove i criminali scrivono le leggi. Dove il ministro Gelmini ammette tranquillamente di aver tentato di comprare un esame di stato e non succede niente. Dove vai in tv se la dai a qualcuno o se lo ricatti, come fa Corona, o se commetti un omicidio. Si da a tutti una seconda o terza possibilità all’infinito. Come siamo arrivati a questo, può essere chiaro o meno, ma lo meritiamo ?

NOTIZIE FOTOCOPIA.

Informazione 7/9/2008



A volte mi domando a cosa serve leggere tanti giornali diversi, dato che sembrano essere tutti uguali, sia nel riportare le notizie, sia nel non spiegarle alla gente, insomma un “copia e incolla” delle agenzie di stampa, notizie fotocopia. Per fortuna però ci sono quei giornalisti che si differenziano e fanno in modo che i quotidiani per i quali scrivono si differenzino almeno un po’. I nomi si conoscono da Travaglio a Saverio Lodato, passando per Gomez, Rizzo e Stella etc.etc.

Se si analizza la giornata di oggi ad esempio, dai siti dei quotidiani, si vede che: In tutti o quasi c’è il monito del papa, il quale si augura: "Servono politici cattolici che siano competenti e rigorosi". Detto dalla Chiesa Cattolica, che è la stessa che appoggia i condannati con doppia o tripla famiglia dell’UDC o di Forza Italia, è tutto da ridere. Ecco un commentino che ricordi queste cose a sua santità non c’è, zero.

Altra notizia lo sfogo dell’AstrattoWalter, leader del PD il primo partito entità d’Italia. Tutti scrivono dei suoi rimproveri a Parisi e Di Pietro, riportano le sue dichiarazioni da leader. Tutti omettono che l’uomo che si vuole differenziare dal NanoinLibertà, si fa intervistare da Mentana, uno dei migliori servi del Nano. Per di più a casa sua durante la festa del suo partito, il quale dopo anche l’intervento di Bossi è sempre di più un porto di mare aperto al primo fesso che passa.

Altra notizia riportata da tutti i quotidiani è quella dei braccialetti elettronici ai detenuti. Questa “innovativa” proposta di Alfano ormai è un cult, che ogni tanto si ripropone come la peperonata di notte. L’incredibilmente nostro ministro della giustizia vuole applicare il braccialetto elettronico per i detenuti che devono scontare una pena inferiore o residuale pari a due anni. Se andate alla ricerca di qualche commento che ci spieghi meglio la situazione o la sua vera utilità state freschi. L’ultimo a proporre la sperimentazione fu Enzo Bianco, dal ’99 al 2001 ministro dell’interno del centro-sinistra, si era partiti con tutti i buoni propositi, per poi abbandonare il tutto. Totale della spesa 140 milioni di euro. E grazie.

Possibile che le notizie siano cosi fotocopiate , nessun commento sul fatto che forse sarebbe meglio spendere soldi non in queste tecnologie morte, ma nella costruzione delle carceri o nella ultimazione delle tante carceri, costruite ed abbandonate, disseminate sul nostro territorio. Negli altri paesi questo genere di tecnologie del braccialetto o simili si usano per controllare il detenuto dentro la prigione, ed ormai sono superate da tecnologie più raffinate.

In realtà questa iniziativa ha come l’unico obbiettivo quello di dare una possibilità in più alla nostra classe dirigente di poter evitare la galera. I reati che affliggono i nostri dirigenti sono la corruzione, l’aggiotaggio, il falso in bilancio. Tutti reati, i quali grazie a bravi avvocati, riescono ad avere una pena massima di due anni….ops. Quindi vedremo i Tanzi e Previti del futuro, con la loro bella cavigliera, andare a parlare di etica politica in giro.

Insomma queste notizie fotocopia servono esclusivamente a coprire le notizie vere. Anche quelle più banali. Ad esempio grazie al fondamentale sito “Italia dall’estero”, riusciamo a sapere delle critiche che piovono sul governo in materia di cultura. In questi mesi quotidiani svizzeri, irlandesi o svedesi, criticano alcune scelte di governo sulla cultura, lo stato di Pompei, la svendita dei monumenti o simili. Oppure le critiche che fanno al nostro ministro poeta Bingo Bondi, sempre presente dove c’è una figura di merda, BingoBondi ci tiene sempre a mostrare la sua incompetenza come ministro della cultura. I giornali esteri lo sottolineano i nostri lo coprono.

Gli articoli di "Italia dall'estero" : 1, 2, 3.

E LO SPUTTANAMENTO OLE!

Satira di difesa 4/9/2008



"Nel Sud alcune scuole abbassano la qualità della scuola italiana. In Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata organizzeremo corsi intensivi per gli insegnanti". La risposta alle parole di Bossi arriva dal ministro dell'Istruzione. E' passato un mese da quando il leader del Carroccio, dal palco del congresso nazionale della Liga Veneta a Padova, gridò nel microfono che era l'ora di finirla di far "martoriare i nostri figli da gente che non viene dal Nord". A tre settimane dall'inizio delle lezioni, Mariastella Gelmini annuncia alla platea di Cortina d'Ampezzo che l'ha invitata ad un dibattito pubblico, la strategia per migliorare la scuola italiana: corsi ai prof del Sud; taglio di 85 mila insegnanti; riduzione degli sprechi.[…] ( Il ministro dell’Istruzione Gelmini – la Repubblica, 23 agosto 2008).

“«Non ho mai detto che gli insegnanti del Sud abbassano la qualità della scuola italiana. Chi riporta il mio pensiero in questo modo è in grave malafede e vuole creare una polemica che chi conosce il mio pensiero sa che non ha fondamento». Lo ha dichiarato il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini in risposta alle polemiche sollevate dopo le sue parole pronunciate a Cortina d'Ampezzo durante un incontro pubblico.[….] Ieri sera, in occasione di un incontro a Cortina d'Ampezzo, mi sono limitata a segnalare che la scuola nelle regioni meridionali è colpita da una grave crisi. Sfido chiunque a sostenere il contrario» [….]«Nel sud - aveva rilevato il ministro intervistato dal direttore del Gazzettino Roberto Papetti e dall'editorialista Ernesto Galli della Loggia - alcune scuole abbassano la qualità della scuola italiana. In Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata organizzeremo corsi intensivi per gli insegnanti». Sul passaggio degli insegnanti dal sud al nord Gelmini aveva sottolineato anche che «l'esodo non è mai favorevole alla scuola sia esso dal sud al nord che viceversa. Non mi preoccupo della provenienza dell'insegnante ma della sua capacità».[….]”( Corriere della Sera, 25 agosto 2008).

“Novantatré per cento di ammessi agli orali! Come resistere alla tentazione? E così, tra i furbetti che nel 2001 scesero dal profondo Nord [la Gelmini si è laureata a Brescia, ndr]a fare gli esami da avvocato a Reggio Calabria si infilò anche Mariastella Gelmini. Ignara delle polemiche che, nelle vesti di ministro, avrebbe sollevato con i (giusti) sermoni sulla necessità di ripristinare il merito e la denuncia delle condizioni in cui versano le scuole meridionali. Scuole disastrose in tutte le classifiche «scientifiche» internazionali a dispetto della generosità con cui a fine anno vengono quasi tutti promossi.[…] Insomma, la tentazione era forte. Spiega il ministro dell'Istruzione: «Molti ragazzi andavano lì e abbiamo deciso di farlo anche noi». Del resto, aggiunge, lei ha «una lunga consuetudine con il Sud. Una parte della mia famiglia ha parenti in Cilento». Certo, è a quasi cinquecento chilometri da Reggio. Ma sempre Mezzogiorno è.[..]” (Corriere della Sera, 4 settembre 2008).


Insomma da questi stralci di articoli si evince come la Gelmini sia un allieva del NanodelleLibertà(sue) , la migliore s’intende. Questa donna dalla forma di Tagliola, vedi sia il personale sia i fondi che vuole tagliare alla scuola pubblica per avere << più qualità >>. Dicevamo la TagliolaGelmini riesce se non a superare almeno ad eguagliare il suo capo. Lei in pratica giudica incompetenti i professori del sud, ma poi smentisce le sue dichiarazioni facendone altre uguali.Fantastico. Solo il NanoinLibertà, posseduto dalla passione dello statista, riuscirebbe a fare di peggio. Poi resta da capire come farà a organizzare più corsi di formazione, ristrutturare le scuole, far imparare l’alfabeto a Calderoli, dare premi e stipendi più alti agli insegnanti etc.etc. Tagliando le spese. Questo lato è molto oscuro è lei non ha nessuna intenzione di spiegarlo, e il fatto che le sue riforme passino con un decreto, sembrano far pensare che infondo non lo sappia neppure lei. Esattamente come fa Ciuffone l’Arcoretano.

Inoltre sulla TagliolaGelmini si abbatte anche la stampa indipendente con GianAntonio Stella, il quale la sputtana sulle pagine del Corriere Il nostro ministro. La Tagliola ha studiato e vissuto al Nord, ma decide che Catanzaro è il luogo ideale dove fare l’esame di ammissione per diventare avvocato. Il caso, se vogliamo essere ingenui, vuole che proprio che proprio a Catanzaro aveva un altissima percentuale di ammessi all’esame (93%). Poi si scoprirono gli imbrogli un giorno prima dell’esame della Gelmini, la quale anche dopo la “riforma” fù promossa. La nostra moralizzatrice della scuola, la battagliera del merito, dopo questa solenne figura di sterco di dimettersi non ci pensa proprio. Per carità ha la scuola da salvare…purtroppo.