.
Annunci online

NEANCHE DUE TETTE OGNI TANTO...

Pensiero Orrendo nasce un poco strisciando 29/11/2008


Dal Corriere della Sera del 29/11/2008:

Sesso «esplicito» al cinema e in tv: torna la porno-tax

Dal teatro ai dvd: spetterà al ministro Bondi stabilire cosa è porno e cosa è «soft».

"«Oh mamma mia, cos’è, un’altra proposta della Carfagna?», sbuffa Tinto Brass. «Un provvedimento devastante, disastroso, un messaggio di grande tristezza». Il regista, che ha in uscita il corto «Hotel Courbet» (dedicato al pittore de «L’origine del mondo») ci vede un’operazione non fiscale ma culturale: «Non vogliono che la gente si diverta, cosa c’è di più ottimista di un bel sedere, dico io? Ma no, ci mortificano, ci vogliono tristi, la carne è colpevole. Recuperano l’idea di Platone per cui nell’uomo c’è una parte nobile, dalla vita in su, e una ignobile, dalla vita in giù».

Per Eva Henger «è una tassa ipocrita, il porno non si potrebbe nemmeno produrre ». Indignato Rocco Siffredi: «L'Italia si dimostra bigotta e moralista, non ci ricaveranno niente, l'unica cosa tassabile sarà l'oggettistica. Ormai i dvd non si vendono più, il sesso si trova su Internet, su You Porn possono entrarci anche i bambini, vergogna»"


Nella foto Bondi a colloquio con Berlusconi.

SOLO DA NOI……

Satira di difesa 25/11/2008

Sta lì tranquillo sul tuo divano la domenica, guardi la tv cerchi di seguire e i risultati di calcio senza digitale terrestre, sei di sinistra non vuoi dare i soldi al NanodelleLibertà. Mentre fai zapping tra un canale e l’altro capiti sul programma di Maria De Ventura “Quelli che….(non sanno fare un cazzo)” ed è in quel momento che si consuma la tragedia.

Ospite della trasmissione è Pastella l’ex ministro di indulto e ingiustizia. In pratica l’obbiettivo è riabilitarlo, ma non lo sai ancora sei occupato a inveirgli contro. La De Ventura, specializzata ormai in riabilitazioni vedi Biscardi, tra un sorriso e una battuta parla dell’eroe Pastella, il quale ha rinunciato al potere per amore della moglie. Vomiti ancora vomiti ininterrottamente, soprattutto per le battute di Pastella. Tu sai che non si è dimesso per amore, per quello “amore” si accompagna a “quanto” dalla battona sotto casa, ma si è dovuto dimettere per l’indagine della magistratura, ma sei lì nel salotto inerme in preda alle allucinazioni vedi Pastella ovunque e stai quasi per stritolare quel piccolo Pastellino che hai al fianco. Ma è tuo figlio.

Ma sei di sinistra, combattivo, pensi “qualcuno protesterà dirà la verità in tv”. Niente. Allora cerchi certezze dal passato, fai domande al busto di mortadella della festa dell’Unità del ’75 raffigurante Palmiro Togliatti, ma Palmiro non risponde, non può. Allora rileggi i quaderni di Gramsci, ma ecco un altro attacco. Un vescovo di chissà dove ha sentito da una suora nel lontano 1937 che Gramsci prima di morire si era convertito, e viene ritenuto subito attendibile senza tenere conto dell’età del prete in questione. Addirittura ti vedi la notizia al tg5.

Ti chiedi “cosa altro deve succedere?”, ma all’improvviso senti dalla tv “ Vladimir Luxuria ha vinto”. Subito dici a tua moglie “dove, in quale circoscrizione? “. Vedi esultare Sansonetti in tv, al TG5 ovviamente, gli senti dire “finalmente una vittoria” e poi “ una vittoria di tutta la sinistra”. Urlì un vai grosso come una casa, stai per andare a fare il gesto dell’ombrello allo stronzo del terzo piano di Forza Italia, che tra l’altro occupa sempre il tuo posto auto. Per fortuna ti ferma tua moglie e ti spiega la vittoria di Luxuria all’isola dei famosi. Ed è in quel preciso momento che pensi “ non c’è più speranza”.


TUTTO NORMALE.

Informazione 23/11/2008


Qualche giorno fa il direttore del tg di La7 definisce normale l’aiuto che Latorre da al suo oppositore Bocchino, con in studio Polito, il direttore dell’anonimo Riformista, il quale gaudente confermava, che male c’è. C’è lo vedete voi Enrico Berlinguer, del PCI, suggerire ad Andreotti, della DC, come opporsi ad una sua stessa azione ?

Villari ritiene normale occupare Il posto in vigilanza Rai, mettendosi contro il suo ex partito e relativo alleato. Anzi si dice pronto a lavorare. In pratica ora abbiamo una carica, che spettava essere nominata dall’opposizione, invece è stata scelta dal governo pescando nell’opposizione. Ma essendo ora Villari un espulso, quindi non più appartenente all’opposizione pd-idv ma indipendente, come la mettiamo ?

L’unica cosa che, dal mio punto di vista è normale, è la normale attaccatura di Villari al suo incarico, avete mai visto un democristiano (o ex) rinunciare ad una poltrona? Giustamente il nostro si è fatto consigliare anche da Mastella…..chi va con lo zoppo…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. villari latorre rai vigilanza pd idv bocchino

permalink | inviato da Liberazona il 23/11/2008 alle 3:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

CONFESSIONI DI UNA MENTE PERICOLOSA.

Satira di difesa 19/11/2008

Le mie giornate passano sempre uguali, noiose e buie. Frequento gente triste, squallida. Gente che si vende per poco o niente, umili servi che acconsentono ad ogni stronzata che dico. Bondi farebbe volentieri sesso con me, che schifo. Cicchitto sarebbe capace di vendersi la madre per un po’ di potere, se non l’avesse già venduta per un posto auto nel cortile della mia villa. Ora vive nel mio salotto le faccio mantenere un lampada in mano, così per gusto. Tra l'altro quella lampada non la uso da una vita.

Cicchitto, Previti certa gente ha la faccia che merita. Lo capisci dai loro volti chi sono. Con quella faccia non gli daresti mai le spalle, rischi l’inchiappettamento. Cesare che ogni tanto mi propone i nuovi favori da fare a questo o a quell’altro amico, Confalonieri Ghedini e compagnia bella che mi avvisano dei nuovi reati che ho commesso, sapete sono molto distratto, non ci faccio troppa attenzione. Quindi in questo marasma che volete che faccia, scherzo continuamente. Prendo deliberatamente per il culo chi mi circonda, e loro si lasciano prendere, dato che sono zerbini.

L’unico forse che non capisce è Gasparri, poverino non ci arriva proprio, gli scrivo delle vere e proprie vaccate pazzesche da dire ai giornalisti, e lui le ripete pari pari senza batter ciglio. E’ uno spasso.l’ultima volta ha detto “ A causa di comunisti gay venuti dallo spazio, la riforma gelmini è spotarta minnardi”. Le risate a casa, meglio di quando faccio smentire a Bonaiuti le minchiate che dico alla stampa. E che volete qualcosa devo pur fare per smuovere un po’ qualcosa, qui è un mortorio. Così con la Merkel gioco a nascondino, con Gheddafi faccio promesse economiche, manco avessimo noi i pozzi di petrolio. A un dittatore faccio i complimenti per la lunga vita politica e cosi via. Gioco.

Quando invece non posso giocare con i miei burattini, tra i fumi dell’alcol e i vapori celebrali del viagra, scelgo, tra i provini di Mediaset e le giovani forziste,  la compagnia per le prossime tre ore, con la futura ministra di qualcosa, poi penserò al ministero adatto. E così passano le giornate tra una telefonata minacciosa in diretta tv e un insulto all’opposizione, più finta della stoppa che porto a posto dei capelli. Come è dura la vita

OPPOSIZIONE A CHI ?!?!

Satira di difesa 2 17/11/2008

Finalmente chi riteneva che il PD facesse opposizione ha avuto la definitiva conferma che da quelle parti “opposizione” è una parola sconosciuta ai più. Bisognava già capirlo dalla vittoria ottenuta, almeno secondo l’AstrattoWalter, nel caso della legge Alfano. Harry Sfotter Franceschini era gioioso per una vittoria del dialogo. Cioè il NanodelleLibertà(sue) ottiene l’immunità, ma loro hanno vinto……bah.

Latorre colpisce ancora dopo le telefonate Unipol a Consorte, il nostro eroe viene beccato mentre mette le parole in bocca a Bocchino cioè il suo oppositore, il quale nonostante il cognome con la bocca non se la cava bene. In pratica si scopre il segreto di Pulcinella, cioè la candidatura di Orlando alla vigilanza Rai stava sui coglioni anche al PD. Evviva il dialogo quindi. Almeno adesso sappiamo con certezza cosa c’è nel loft: un branco di commedianti.

Altra iniziativa del PD giusto per parlare di libertà, continua la marcia parlamentare della legge Levi\Veltroni sui blog. In pratica equiparano il blog ad un giornale e se un adolescente vuole avere un blog che parla delle sue cose, deve avere come direttore un giornalista iscritto all’albo. C’è lo vedete voi l’UntuosoVespa mentre parla di Moccia o mette dei TVB negli articoli, che schifo. Insomma della serie : Siamo per le libertà (nostre).

Intanto continua il bombardamento mediatico da parte del governo, uno dei suoi migliori cazzari il Brunettolo (l’ottavo dei sette nani), il quale disserta sul suo lavoro fatto sin ora, del quale non abbiamo ancora traccia. Ci aggiorna sulla sua guerra ai fannulloni, non menzionando i suoi colleghi parlamentari molti tra ministri e vari hanno accumulato quasi il 90% di assenze durante le votazioni. Ma alla fine chiude sparando a zero sui fannulloni, che ha sua detta sono tutti di sinistra.

Insomma riassumendo tra Brunettolo e il NanodelleLibertà(sue) quelli di sinistra sono : coglioni, antidemocratici, e adesso anche fannulloni. Il fatto che poi certe critiche vengano da Brunettolo fa ridere. Quello che in un passato recente era il consulente economico del PSI di Craxi, cioè consigliava dove investire i soldi delle tangenti. Ebbene adesso costui è in prima linea nella battaglia etica per una buona amministrazione pubblica, cioè la stessa che anche il PSI ha farcito di raccomandati.

Insomma cose da pazzi, o meglio cose da Italia.


Free Blogger

Informazione 13/11/2008


COPIA IL CODICE :

<a href="http://www.beppegrillo.it/iniziative/freeblogger/?s=user" target="_blank" ><img src="http://www.beppegrillo.it/immagini_barra_destra/freeblogger.jpg" border="0" alt="Free Blogger"/></a></a>


Dal blog BeppeGrillo.it :

Obama ha vinto grazie alla Rete. Ha raccolto fondi on line per un miliardo di dollari per la sua campagna elettorale. "A campaign powered by people, not the special interests". Una campagna finanziata dalle persone, non dagli interessi di parte.
L'Obama de noantri, al secolo Topo Gigio Veltroni, dopo aver fracassato le palle a tutti gli italiani sulla somiglianza tra lui e Obama (un insulto persino peggiore dell'abbronzatura dello psiconano) vuole dare una mano alla Rete. Tutti i blogger si stanno toccando. Topo Gigio è peggio di uno spyware, di un malware, è un virus insidiosissimo che trasforma tutto ciò che tocca in una Walterloo. Il suo incaricato del Pdmenoelle, in arte Franco "Ricardo" Levi, ha depositato alla Commissione Cultura della Camera, con alcuni ritocchi degni di Pol Pot, la famigerata Levi/Prodi. Detta anche legge "ammazzablogger". Legge che va ribattezzata in Levi/Veltroni grazie alle nuove clausole.
In sostanza:
- ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale
- ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all'Agenzia delle Entrate
- ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)
- ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa
- ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denuciato per il reato di "stampa clandestina": due anni di carcere e sanzioni economiche.
Un blogger può scegliere se iscriversi al ROC, e correre il rischio di una delle innumerevoli denunce penali e civili sui reati a mezzo stampa che risalgono al Codice Rocco del fascismo o, in alternativa, entrare in clandestinità prima di entrare in galera. Insomma, può impiccarsi o spararsi un colpo in testa.
La Commissione che deve esaminare la proposta di legge inizierà a breve i lavori sulla "ammazzablogger". Un sostegno da parte della Rete la aiuterà a prendere le decisioni:
- partecipate alla petizione per una Rete libera e inviate una mail a Levi e a Veltroni con i vostri suggerimenti
- caricate le vostre foto con la scritta: "LIBERO BLOGGER IN LIBERO STATO" all'indirizzo:

Loro non molleranno mai (ma gli conviene), noi neppure.

LO STRANO CASO DEL TG2

Satira di difesa 12/11/2008


Certo che certe cose capitano proprio a fagiolo. Un esempio è la puntata del 10 novembre di Matrixciana diretta dallo scomodo, si fa per dire, Mentana. Il nostro dedica una puntata alla satira in Italia e non smette di ribadire che da noi c’è tanta libertà da fare schifo. Tra l’altro dirlo a Mediaset è come gridare che c’è la democrazia dal balcone di Mussolini Invertebrati come Facci ritengono addirittura che bisogna stabilire dei limiti e delle regole alla satira, dato che secondo lui non è possibile che si arrivi a parlar male del papa. Povero Dante Alighieri .

Lo ScomodinoEnrico porta avanti la sua tesi, proprio lo stesso giorno in cui veniamo a sapere che siamo un paese talmente libero da rispolverare quella schifezza della legge Levi sul controllo dei blog, per dire. E’ vero che da noi si fa ancora satira, ma non dimentichiamo che ci sono casi come quelli dei Guzzanti e Luttazzi, i quali sono chiari esempi che la satira dura viene zittita. Ma il problema è un altro al posto di celebrare la satira, necessiterebbe una puntata che commemorasse l’informazione. E’ lei la grande assente nel nostro paese, tranne qualche piccola isola felice televisiva o della carta stampata.

Prendiamo un telegiornale a caso come esempio, non il TG1 di Gianni Ricotta già ampiamente e giustamente martirizzato, dato che è una schifezza totale. Prendiamo il TG2 che a fatica sta cercando di essere peggiore di quello di Rai Uno, in un incredibile corsa al ribasso. Ebbene neanche nella Corea del Nord si vedrebbero certe cose. Il Tg2 va a stagioni in primavera dedica tanti servizi a una discussione fondamentale che sta spaccando il mondo della scienza : Bisogna fare il pisolino pomeridiano ? E quanto deve durare? Questo quesito fondamentale vede da anni il TG2 farne una crociata per far sapere al cittadino cosa dice questo o quel ricercatore di un università impronunciabile.

Poi arriva l’autunno, cadono le foglie e arriva l’influenza, vuoi che il Tg2 non abbia già pronto il solito servizio sui vaccini? E infatti eccolo puntuale, le immagini sono sempre le stesse cambia qualche volta la voce fuori campo, ma finisce sempre alla stessa maniera: opinioni della gente. Chi lo fa, chi no e al termine il telespettatore non capisce se sto cazzo di vaccino lo deve fare o meno.

Poi per tutti gli iscritti al WWF c’è sempre qualche animale che da qualche parte del globo terracqueo sta mangiando/scopando/o rompendo i coglioni a qualcuno in modo tanto particolare tanto da meritare un posto tra le notizie del Tg2. Negli ultimi giorni l’Obama mania sembra aver posseduto il direttore Mazza. Ogni giorno ha sempre una novità demenziale a proposito del neo presidente eletto negli USA. Dalla cucina preferita al cane che sceglierà, insomma tra poco arriveremo a sapere anche la posizione preferita per scopare.

Anche oggi Mazza non ne ha potuto fare a meno sacrificando spazio al ricordo della strage di Nassirya. Ma forse è meglio così qualcuno potrebbe farsi delle domande tipo : perché eravamo lì ?


NON SONO RAZZISTA, E’ LUI CHE E’ NEGRO.

Satira di difesa 10/11/2008

Dopo una bella settimana di vacanza uno pensa di trovare qualcosa di diverso negli ambienti che frequenta di solito, non dico grossi cambiamenti, ma piccole modifiche. Invece niente, anzi qualche cambiamento si, ma in peggio. Il governo del NanodelleLibertà, ovvero i Dilettanti allo Sbaraglio, ha collezionato altre figure di merda, da incollare al già ricco e triste album delle figuracce, che Silvietto nostro, con tenacia e costanza accumula.

In una sola settimana il nostro triste premier Sbirulino si fa subito amico Obama, con una battutaccia razzista e stupida, quasi più stupida di quella che disse qualche settimana fa a Washington. “Bush è stato un grande presidente” è grossa, considerando che forse Bush junior come impopolarità raggiungerà i livelli di Nixon. Probabilmente il nostrom premier dovrebbe smettere di frequentare il bagaglino, almeno l’umorismo migliorerà.

Come se non bastasse il nostro premier, in uno dei sui soliti deliri di onnipotenza, tipici di quando prende il solito viagra, manda affanculo tutti quelli che osano criticarlo e da anche la laurea di coglione. Senza preoccuparsi del conflitto d’interesse, visto che i “coglioni” erano, secondo lui, quelli che votavano a sinistra. Atteniamo chiarimenti.

Comunque nessuno dei Dilettanti allo Sbaraglio voleva sfigurare, anche loro ci tengono a fare la loro figuraccia e se possibile internazionale, si sa viene meglio. C’era addirittura chi aveva anticipato il premier come NeuroneGasparri, il quale definì una probabile vittoria di Obama come una vittorua di Al Qaeda. Una cosetta soft insomma, tanto per gradire.

I telegiornali poi iniziano la loro bagarre di interviste, con lo scopo di far diventare quello l’unico argomento nazionale. Magari alla gente interesserebbe sapere che il Senato ha cancellato il referendum del 1987 sul nucleare, oppure sulla bidonata targata CAI, ma invece il telespettatore italiano si ritrova quelle facce da stupratori di verità di Cicchitto (che non direbbe la verità neanche se torturassero la madre), NeuroneGasparri e Bonaiuti ancora umido di saliva.

Tutti a dire la solita tiritera cioè : Sbirulino non voleva dire ciò che ha detto, ma ha detto ciò che voleva dire solo per simpatia verso Obama, ma l’opposizione comunista ha deformato quello che ha detto facendo apparire come se avesse detto una cosa che non ha detto come se l’avesse detta per razzismo, purtroppo i giornali e i microfoni sono sempre tutti contro il nostro supremo. Questi comusti che sono lì tutto il giorno ad aspettare che il premier dichiari qualcosa e subito scattano nella disinformazione appena il supremo finisce la puttanata etc.etc.