.
Annunci online

ANESTESIA TOTALE

Satira di difesa 16/1/2012

Da quando c'è il governo tecnico, i partiti sono quasi spariti dai media e sparendo hanno lasciato la Tv da sola a colmare il vuoto che hanno lasciato i vari politicanti. Prima di Montacci tua, l'attuale premier, te li ritrovavi da per tutto i politicanti, ora a Porta Portese a farsi ungere da Vespa in Kway, ora alle previsioni del meteo a dire che la perturbazione che proveniva dall'atlantico era colpa del precedente governo.

Per riempire questi vuoti si fa approfondimento politico ormai in ogni trasmissione, il guaio è che si fa parlare il primo stronzo che passa,o se vi fa piacere il primo Giletti che avanza. E' cosi ci tocca vedere questi Magiogli che parlano a Domenica In di politica, si avete capito bene non vomitate per cortesia, riducendo il problema dei nostri pessimi rapporti con Francia e Germania ad un :”A Sarkosy ggli impariamo noi la moda”.

Rai due risponde con quella faccia da  Milo che conduce “Italia sul due” il tema è la crisi economica e la disoccupazione, Milo invoca speranzoso “Daniele cosa ne dici” il Daniele in questione è Daniele Interrante, noto ai più come l'amico di Costantino, se state pensando “e sti' cazzi” sappiate che è anche il mio pensiero. A quest'ominide del lavoro gli è sconosciuto persino la parola, dato che a esso ha preferito Lele Mora. Ebbene la sua opinione, degna di un economista di Cambrige, la snocciola con la classica faccia da “situazione triste” : “la situazione è drammatica, la gente è in difficoltà”, per lo sforzo celebrale fatto, mette la testa in un cestello per il ghiaccio della Moet Chandon.

Ma abbiamo visto di tutto e di tutti parlare di economia e finanza, persino la Mussolini, col solito fare da mucca pazza. Siamo stati invasi da parole senza concetti di fondo, una su tutte è lo spread. Tutti ormai ne conosciamo la definizione, ma cos'è in realta ? Che influenza ha nella nostra società? E' legato alle borse o alla finanza ? E' possibile fermarlo? Per tutte queste domande non c'è spazio in Tv, forse un po' sui giornali. La Tv pensa solo ad invaderci la testa è riempirla di parole, come in 1984 di Orwell, siamo li a dire spread spread e a insultare il nemico indicatoci dalla Tv, come nel libro prima era l'Eurasia e poi cambiava ed era l'Estasia.

Lo stiamo facendo adesso, oggi con i tassisti. Ci hanno indicato il nemico e stiamo gridando “abbasso i tassisti” siamo sicuri che sia questo il problema principale? Non bisognerebbe prima occuparci delle vere caste che hanno affossato questo paese?

Non ce ne stiamo accorgendo ma stiamo facendo il gioco di chi ha in mano questo paese che spinge alla guerra tra poveri, attacchiamo i tassisti che sono dei lavoratori che hanno famiglia e non sono miliardari, forse c'è solo qualche furbo tra loro.  Mentre non si dice niente sulle aziende quotate in borsa che hanno consiglieri in comune e bloccano la concorrenza e lo sviluppo tecnologico, che fanno cartello facendo tutti lo stesso prezzo (vedi la telefonia), che falsificano i bilanci per far salire le azioni rubando i soldi dei piccoli azionisti, i quali comprano le azioni che i manager delle stesse aziende rivendono dopate.

Non diciamo niente dei petrolieri che comprano tutti il petrolio dallo stesso fornitore, ma ci fanno prezzi diversi, che ci vendono il petrolio della Basilicata come se venisse dall'Iraq. Questi signori creano danni, questi Tronchetti Provera e company fanno stragi di lavoratori e poi vengono venerati dalla Tv e stiamo lì ad invidiarli invece di odiarli.

Tassisti e notati probabilmente dovranno essere riformati, ma solo alla fine di riforme totali della nostra società, è vero più notai significa prezzi più bassi, ma poi la casa chi la compra? Più tassisti significa un po' di occupazione in più, ma il taxi chi lo prende?

EVVIVA LA FI...DUCIA

Satira di difesa 18/12/2010



A.A.A. Parlamentare indipendente vendesi

Sono un parlamentare cinquantenne, ma dall'aspetto giovanile con famiglia, figlio disoccupato e mutuo trentennale. Cerco un partito/governo al quale votare la fiducia, va bene anche se giovane, disponibile a passare liete ore di compagnia alla Camera, anche senza impegno successivo. Telefonare ore pasti per contropartita da offrire. No perditempo. Max serietà.


LA STAGIONE DELL'AMORE

Satira di difesa 25/11/2010

Emilio Fede picchiato. Ricoverato il pazzo, ancora libero l'aggressore.

Emilio Fede picchiato in un ristorante, l'amaro gli ha fatto male.

Emilio Fede pestato. Porta fortuna.

Dopo Capezzone anche Fede picchiato,Cicchitto per sicurezza si chiude in casa.

Montezemolo :"Devo fare qualcosa per l'Italia". Tipo stare a casa.

Gli studenti manifestano conto la riforma della scuola. la Gelmini:" E' inaccettabile, io non faccio riforme"

Il ministro Gelmini "Questa è una riforma epocale". Infatti dopo di essa non ci sarà più la scuola.

Ricercatori sul tetto della facoltà di Architettura. Illusi credevano di sfuggire alle visite dei politici

Perquisita la casa Farmaceutica Menarini, Maxi sequestro da un miliardo di euro. La supposta stavolta se la sono presa loro.

Berlusconi:"Irresponsabile andare al voto” certo potrebbe perderle.

Boldi :“Io con De Sica se il premier torna con Fini” .Insomma è una questione fra comici.

MANGANELLO DELL’AMORE.

Satira di difesa 13/11/2010



Siamo in un periodo di confusione tale che non si capisce più niente,. Il Puffo Puttaniere non ha più la maggioranza ma non si dimette, molti si aspettano che occuperà il parlamento a vita magari sul tetto, come a Brescia e magari facendo anche il gesto estremo del cappio al collo…di Bondi ovviamente mica è fesso lui.

In questo stato di confusione, in cui le istituzioni sono in balia di cialtroni analfabeti inetti , o per farla breve di Calderoni e affini ruttanti, l’unico interlocutore del cittadino è una pacifica squadra di celerini in tenuta antisommossa. Questo corpo della polizia di stato è l’ultimo residuato del fascismo che abbiamo, e quindi, essendo dello stato, fanno di tutto per tutelare l’incostituzionalità. Il manganello è lo strumento che usano per impartire il dialogo, dialogo spesso interrotto dal manganello stesso che tende a spezzare ossa e denti dell’interlocutore dal lato opposto, scienziati del ministero dell’interno hanno dimostrato che il problema è causato dal manifestante che sviluppa un’endorfina, la quale attrae il manganello al corpo dello stesso, un effetto calamita insomma.

Quindi ecco una guida su come evitare di essere manganellati, se malauguratamente il governo  facesse di casa vostra una discarica di rifiuti nucleari senza avervi chiesto il permesso.

FASE 1 RICONOSCERE LA CELERE. In genere sono un gruppo ben nutrito vestiti con una tuta imbottita, hanno un casco blu, un manganello su una mano e uno scudo sull’altra, per difendersi dall’alitosi delle vecchiette che pestano. Il capo è ben riconoscibile, in genere è sempre vestito in borghese ed è elegante, strilla sempre e si muove come se avesse una mazza nel culo ( e forse è così). Inutile dialogarci il capo riesce ad apprendere solo due parole consecutive, ed è l’intellettuale del gruppo, dopodiché ordina la carica a prescindere.

FASE 2 METODI PER EVITARE LE MANGANELLATE:

Non usare mai : anziani, bambini, portatori di handicap, malati, donne incinte, non servono a niente picchiano comunque.

1 Cospargere il vostro corpo, e quello degli altri manifestanti, di merda. Eh si ! elementare ma geniale, chi secondo voi attaccherebbe un gruppo di persone coperto di merda. Forse D’Annunzio, ma è morto.

2 Portate con voi statue di santi e crocifissi abbastanza grandi, se mai decidessero di attaccarvi, immaginate il casino che succede a livello mediatico, la madonna presa a manganellate, dopo si che piangerebbe. Inoltre il crocifisso può essere usato come spada e se gli date fuoco potete passare all’attacco. Yeeah! Porgi l’altra guancia stronzo!

3 Vestitevi da fascisti, si sa che non attaccano i loro simili. Magari riuscite a mimetizzarvi bene, e a qualche celerino potrebbe scappare anche una lacrimuccia in ricordo dei bei vecchi tempi.

4 Fatevi scudo con dei parlamentari del PDL, ne hanno tanti di ricambio….

5 Picchiateli con il quotidiano “La Repubblica” del venerdi, in pratica con gli inserti arriva a pesa re 30 chili.

6 Quando vedete che stanno per arrivare, gettategli contro Capezzone, sta talmente sul cazzo a tutti, che si sfogheranno per ore.

Secondo me il miglior metodo, a parte quelli già elencati, è quello di vestirsi come loro, usare il casco senza identificativo e farsi forti col gruppo, come tutti i codardi.

UN ESTATE ITALIANA

Satira di difesa 11/8/2010

Umberto Bossi: << Siamo nella palude>>. Finalmente è entrato in una sede della lega.

Cossiga in rianimazione, il medico :<<Condizioni gravi ma stabili>> come questo paese.

Recapitato, in una busta, un proiettile al figlio di Ciancimino. Il timbro postale è di Arcore.

Corte dei Conti contro Protezione civile :<<Lavori urgenti per dubbie emergenze>>. Bertolaso: "Da quando in qua un pompino è una dubbia emergenza?"

Di Pietro:<< Berlusconi pensa al colpo di grazia >>. No dai accanirsi su un cadavere no.

Migliorano le condizioni in india, ma 50 italiani restano bloccati. Non vogliono lasciare un disastro per un'altro.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo crisi cossiga bossi ciancimino

permalink | inviato da Liberazona il 11/8/2010 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

ANCORA TUU, MA NON T’AVEVANO MANDATO A FANCU

Satira di difesa 5/5/2010

Diciamoci la verità, sinceramente, a chi non è mai capitato di avere una casa in regalo senza saperlo. Scajola è incolpevole e giustamente dichiara: «Non posso sospettare di abitare in una casa pagata in parte da altri», ecco sospetta lui. Anche un mio amico per sbaglio girava in una macchina che poi ha scoperto non essere sua, ogni mattina per entrarci doveva rompere il finestrino, ha iniziato ad avere dubbi quando, dopo un anno, notava che ogni mattina doveva rompere sempre lo stesso finestrino nonostante lui non lo facesse mai riparare. La magistratura comunista però non gli ha creduto e lo hanno accusato di furto, bah non c’è più giustizia.

La distrazione, è questa la causa e non mi dite che è impossibile perché capita a tutti. Tu stai lì nel tuo appartamento e dopo 15 anni di distrazione ti ricordi che la casa ti è stata regalata, e pensi “a chi sto pagando il mutuo allora?”. Anche a me la distrazione fa brutti scherzi, per il mio addio al celibato i miei amici mi hanno pagato una troia, nonostante non dovessi sposarmi. Mi fecero lo stesso regalo il 20 gennaio per il mio compleanno anche se sono nato ad agosto. Comunque nonostante la ragazza indossasse solo un perizoma a novembre, non avevo capito che fosse una prostituta credevo che il pasticcere l’avesse chiusa per sbaglio nella torta, può succedere. Anche da piccoli capita di andare a ficcarci in posti strani. Sta di fatto che sono un puttaniere per distrazione.

La cosa che mi fa più stupire e che ci stupiamo del caso Scajola. Ma che Scajola fosse un incompetente, come ministro o amministratore pubblico in genere, già si sapeva, egli ha dato prova al mondo intero di come la parola “incapace” non basti per definire la sua inettitudine . Lasciamo stare gli “esordi” in politica con la galera, quella in certi partiti fa curriculum. Era il G8 del 2001 a Genova, il nostro eroe era ministro dell’interno, per consentire ai potenti della terra una discussione su come rimandare le decisioni al prossimo G8, l’Italia ha semplicemente sospeso la democrazia e la libertà.

Non si è mai visto tanta disorganizzazione nel gestire un vertice internazionale, ci sono stati: scontri continui con forze dell’ordine mandate allo sbando; l’omicidio di Carlo Giuliani; migliaia di feriti; strani camion pieni di mazze di ferro che superavano tranquillamente i controlli per andare ad armare manifestanti di destra; il massacro della scuola Diaz; gli abusi nella caserma di Bolzaneto; l’ordine dello stesso Scajola di sparare sui manifestanti. Il tutto obbligandoci a vedere Emilio FidoFede quasi tutte le sere.

Come se non bastasse sempre da ministro dell’interno, il nostro Claudio si è distinto per altre gesta da statista, il quale ha come unico interesse il benessere della nazione. Si parla tanto di auto blu e dei relativi spechi, ebbene Scajola ha fatto di più ha creato l’aereo blu. In pratica il nostro eroe ha obbligato l’Alitalia a creare una rotta Roma – Alberga con voli quotidiani, in modo che potesse tornare la sera a casa sua. Evidentemente a casa ha qualcuno che sa fare bene i pompini, non trovo altra spiegazione. Rotta sospesa appena il ministro si è dimesso nel 2002.

Altro gesto infine, che ne ha portato alle già citate dimissioni, è stato gli insulti a Marco Biagi, ucciso dalle BR il 19 marzo 2002, definendolo un rompicoglioni.

La sua carriera politica poteva finire qua, ma un elemento del genere, nel governo del Puffo Puttaniere, non poteva restare da parte ci sono tante cose ancora da distruggere e poco tempo per farlo. Nel 2003 ritorna nell’ancora sconosciuto ministero dell’attuazione del programma,ovviamente ripristinando il volo Roma-Albenga e che cazzo.. Riesce a non lasciare nessuna traccia, e si vede dalla penosa situazione attuale, nei ministeri dell’attività produttive (governo Berlusconi III 2005) e nel ministero dello sviluppo economico (dal 2008 fino al 4 maggio 20010, governo Berlusconi IV).

Era lì nella sua bella ombra a farsi i fatti suoi quando l’inchiesta legata ad Anemone e agli appalti irregolari colpisce anche lui. Neanche qui ci sono novità la passione per il mattone nel governo del Nano Liberticida è assai diffusa, vedi Matteoli. C’è il libro “Il partito del cemento” edito da Chiarelettere che spiega chiaramente come il duo Burlando-Scajola stia cementificando la Liguria strafottendosene delle regole, quindi niente vergini a gridare allo scandalo.

Mi chiedo ma in un paese dove il tasso di corruzione è aumentato del 229% rispetto al 2008 di cosa ci meravigliamo? Hai voglia ad arrestare gente, adesso tocca ad un altro verginello, il Camerata Ciarrapico. Siamo circondati da incapaci, mediocri e ladri che tutti insieme formano la classe dirigente italiana. Lunedì 3 maggio a “Otto e mezzo” il sotto(o sub) segretario alla giustizia Casellati illustrava in modo penoso la lotta del suo governo alla corruzione,insieme al comodore 64 che è collegato al cervello di Alfano. Ormai non riescono neanche ad autoconvincersi delle puttanate che dicono, la poveretta si arrende alla prima obiezione del rappresentante dell’IDV, vogliono combattere la corruzione con un premier che ha corrotto testimoni e finanzieri, dai su rubate ma almeno non siate ipocriti.



NON FARTI INFLUENZARE.

Satira di difesa 19/11/2009

TREMONTI – Il ministro dell'economia Giulio Tremonti afferma in un comunicato : “Il virus H1N1 è subdolo, è mutato in debito pubblico si è inserito nel bilancio e adesso sta aumentando”.

GIUSTIZIA – Silvio Berlusconi, in merito alla riforma della giustizia, dichiara : “ Il virus H1N1 infetta i magistrati, purtroppo il semplice vaccino non basta bisogna abbattere i malati e preventivamente eliminare anche i sani”.

CRISI ECONOMICA – comunicato del governo : “Il virus H1N1 da mesi si è travestito da dirigente d'azienda e sta facendo fallire le fabbriche, gli operai se la prendano con lui”.

EMERGENZA RIFIUTI – Il capo della protezione civile Guido Bertolaso è stato contagiato dal virus H1N1. Se ne sono accorti ieri i giornalisti che erano in visita con lui nelle discariche napoletane. Secondo l'ANSA . “ Bertolaso è affetto da una variante dell'influenza A, quello che lo rende paraculo, esso infatti lo fa vaneggiare (la frase “è finita l'emergenza” è un esempio). Inoltre la paraculagine suina fa visitare ai giornalisti solo le discariche che funzionano, mentre quelle che danneggiano la popolazione e l'ambiente no”.

STEFANO CUCCHI – Il testimone della morte di Stefano Cucchi afferma “ Stefano starnutiva continuamente e all'improvviso gli sono apparsi lividi di tutte le forme anche di scarpa, tagli lungo il corpo, e sanguinava mentre si soffiava il naso”. La polizia penitenziaria : “ E' un classico caso di influenza A”.

FIAT – Montezzemolo : “ la multipla l'ha disegnata il virus H1N1, non siamo stati noi “.



L'INSEGNANTE VA IN PARLAMENTO.....

Satira di difesa 6/8/2009





Il titolo del post è chiaramente ispirato alla situazione attuale del governo, sempre più simile ad un film di Alvaro Vitali, con culi tette e vecchi zozzoni, cioè il nostro premier.

Prima di andare in ferie pubblico due vignette fatte di mio pugno, e se vincerò la pigrizia, dopo le ferie ne pubblicherò altre.

Ciao il blog e temporaneamente chiuso x ferie, io vado a cercare il puscher che fornisce la Lega, devo fermarlo ultimamente gli da della roba troppo forte.



CASA CHIUSA DA SILVIO, SOLO VACCHE ITALIANE.

Satira di difesa 29/7/2009

La botta un po’ c’è stata, il nostro premier Puffo Puttaniere, dopo gli scandali a luci rosse di questi giorni, ha deciso che le vacanze a Villa Certosa quest’anno saranno più soft, parola d’ordine “basso profilo”. Annullata l’ordinazione dalla Thailandia, le baldracche da ospitare in villa saranno solo 250 tutte italiane, invece delle solite 1300, e pare che stavolta gli sarà vietato di girare nude, almeno le mutande dovranno averle. Niente da fare pure per le 69 zebre lesbiche che dovevano accoppiarsi la sera per allietare il padrone di casa, ma pare  siano confermati gli orango che blandiscono abnormi vibratori. Dopo le polemiche per le tombe dei fenici ritrovate nei terreni del premier, e fatti rimuovere non si sa come, per ora è stato bloccato lo smantellamento del Colosseo, che doveva essere poi rimontato nell’orto di Villa Certosa. Puffo Puttaniere commenta : “ Peccato stava bene vicino ai i bronzi di Riace, adesso saranno soli”.

 

In nome dell’austerità anche il  vulcano artificiale di Villa Certosa sarà acceso solo una volta al giorno, dopo cena quando Ciuffone, per dare un suo tocco di classe alla serata, intonerà “meno male che Silvio c’è” ruttando. Per simulare l’eruzione, non saranno utilizzati i soliti delfini bruciati vivi e profilattici usati, ma si è pensato ad una soluzione interna: saranno bruciate le copie dei bonifici estero su estero di Previti. Pare che l’omino dall’alto senso morale, secondo il suo killer di fiducia, appena abbia ricevuto la notizia gli sia scappata una lacrimuccia, eeh quanti ricordi in quei bonifici. Alla notizia di una lacrima di Previti i giornalisti si sono mobilitati era già pronto un titolo sul Giornale  : “Visto? E’ Umano!”, ma poi Cesare Dart Fener, cosi viene chiamato dagli amici per la sua sensibilità,  dichiara : “Di che vi stupite ? Anche i coccodrilli, dopo aver mangiato i propri cuccioli, piangono” niente da fare titolo saltato.  

 

Intanto ministri e sottobosco vario del governo è, purtroppo, al lavoro, non c’è speranza che la macchina infernale si blocchi. La Lega persevera nell’abuso di sostanze stupefacenti e così, dopo l‘approvazione delle ronde, gli insulti ai napoletani da parte di Salvini, la possibilità di poter chiamare meridionali i residenti di Bergamo bassa, la proposta dei mezzi pubblici separati per i bianchi e i neri, pare che questi eccelsi pensatori stiano pensando di sottoporre gli insegnanti neo assunti ad un test regionale con prova orale in dialetto, a seconda della regione di lavoro. Il trucchetto servirebbe per scoprire meridionali infiltrati ed impedirgli di insegnare. Smentisce tutto il maiale portavoce di Calderoli :” Sono illazioni non abbiamo niente contro i luridi meridionali, e per la precisione è Calderoli che mi fa da portavoce e non viceversa”.

 

Intanto Lombardo e Miccichè minacciano la fondazione di una “lega del sud” se il governo non s’impegna per il meridione, “meridioche ?” afferma Ciuffone con faccia confusa. Intanto alle accuse della stampa di cercare il voto della Mafia, Micciche risponde “Magari ”. Ma il nostro eroe cerca di imporsi come nuovo che avanza, e cosi tra un cubo è una pippata di coca organizzerà un dibattito sull’etica insieme a Dell’Utri, era atteso, come oratore, anche Jack lo Squartatore ma all’ultimo momento si sono accorti che era morto, lo rimpiazzeranno col Mostro di Milwaukee.

 

Infine volevo sottolineare l’appello del direttore del quotidiano ”Libero…per ora.” Vittorio InFeltrito. Il poveretto si lancia in una pesante critica al premier con un articolo dai toni duri dal titolo: “Caro Berlusconi, chiedi cosa fa la moglie di Sacconi”. Egli sottolinea la posizione di conflitto d’interessi del ministro del welfare con delega alla Sanità, e chiede un intervento risolutore di Ciuffone. In pratica la moglie di Sacconi è al vertice di Farmindustria, cioè la società alla quale sarà commissionato il vaccino per l’influenza A. Sarà interessante vedere come un conflitto d’interessi umano, cioè il nostro premier, interverrà per porre fine al conflitto d’interessi sacconiano. Sarà un orgia sadomaso a suon di deleghe e di finti controllori guardoni che si masturbano.

LO STRANO CASO DI MR.B

Satira di difesa 12/2/2009

Da piccolo ha avuto la stessa maledizione di Obelix, il gallo cadde in una grossa marmitta piena di pozione della forza rendendolo quindi fortissimo, invece B cadde dentro un enorme merda di mucca. La mucca era pazza e solitamente brucava in un campo di Giugliano in Campania, in quel campo sono seppelliti migliaia di rifiuti tossici nocivi. Quindi la merda del bovino risultava tossica anch’essa.

 

Quella merda ebbe un effetto devastante sul fisico e sulla mente di B. Da quel momento in poi divenne una sorta di re Mida, ma al contrario. Infatti quello che toccava, invece che oro, diventava merda. Inoltre anche il suo modo di esprimersi subì mutevoli cambiamenti. Infatti nove volte su dieci egli diceva delle amenità incredibili, terribili e ignobili. Insomma come si dice oggi delle cagate pazzesche.

 

Una maledizione del genere avrebbe distrutto chiunque, ma non B, lui sullo scarto del bovino ne trasse forza. Come feci…ehm fece? Semplice: iniziò a mentire. Egli diceva a tutti che non trattasi di merda ma di cioccolata leccandola di continuo per convincere la gente. Così facendo piano piano iniziò ad avere un seguito di persone e creò il suo impero, di merda ovviamente.

 

Prese soldi da strani personaggi siculi, i quali anche se non erano fatti di sterco, si avvicinavano molto. Costruì case e reclutò strani assistenti come Macello e Vittorio, strana figura metà cavallo e metà mafioso, tra questi spuntava Cesarone mago del pagamento tramite bonifico estero su estero, con il quale ogni cosa avversa a B tramutava in favorevole, successe per la casa editrice. Ovviamente prima era buona, ma dopo che B la toccava diveniva merda, successe successivamente con i quotidiani pubblicava sterco spacciandolo per notizie.

 

Poi toccò a quella fantastica invenzione : la televisione. B creò tre reti televisive e da allora divento merda anch’essa, in intruglio di mignotte e di giornalisti, e nel caso di Emilio, di mignotte che si spacciano per giornalisti. B cresceva sempre di più ed entrò in politica. Da allora divento merda anch’essa. Reclutò servi suoi spacciandoli per servitori dello stato, gente che era disposta a tutto per il potere, essi si nutrivano della cioccalata di B ben sapendo  che non si trattava di cioccolata, ma dicevbano a tutti che era ottima.

 

Il degrado del paese di B fu lento, ma micidiale. B per ottenere quello che voleva era disposto a passare su tutti, morti compresi. Un giorno il padre di una ragazza chiese pietà per la figlia ridotta ad un vegetale. B cercò di approfittare per suoi scopi: aumentare il suo potere. Anche se molti ritennero che in realta l’ominide era coerente. Anni prima l’unico neurone del ministro Gasparri gli chiese la stessa cosa di quel padre, ma B anche in quel caso decise di non staccare la spina da quell’inutile cervello.

 

Da quel momento in poi molti sperano che B non tocchi mai la Costituzione, sarebbe scomodo appassionarsi ad una cacca.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi governo storia mediaset merda englaro

permalink | inviato da Liberazona il 12/2/2009 alle 23:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa