.
Annunci online

sFIATati

Satira di difesa 12/11/2012

Mancavo da un po', in questi mesi ho aiutato un amico in difficoltà, Osama Bin Laden aveva bisogno di un identità nuova, ormai quella vecchia era sputtanata, nei panni di Renato Brunetta non poteva andare avanti, sia per ragioni fisiche, essere piccolo tutto il giorno era uno sforzo sovrumano, sia per ragioni intellettuali, essere piccolo tutto il giorno era uno sforzo sovrumano.

E così con l'intelligence americana ci siamo messi a studiare la nuova identità di Bin. Nella sala ovale eravamo io, Obama, il pupazzo Uan, Drew Barrymore, e il poliziotto dei Village People. Mangiavamo il cremino, lo so non esiste più ma gli americani, con l'ausilio di raffinatissime tecnologie, ce l'hanno. Obama con lo stecco di gelato in mano parla per primo:

   - Allora facciamo il punto, il cremino è buono prendiamone un altro.

Tutti eravamo d'accordo e ce ne siamo presi un altro.                                                                  

Ma ad un certo punto ho rotto gli indugi, era tempo di decisioni, ed era tempo di uomini veri con le palle che le prendessero, e così, dato che stava per iniziare la puntata di Centovetrine in tv, intervenni in modo risolutivo e veloce.

  - Signori, non siamo venuti qui nella sala ovale per mangiare un cremino, e abusare della stagista morta lasciata da Clinton, incatenata al tavolo, no.

 
  Cazzo hai ragione – aggiunge il pupazzo Uan col pene di peluche fuori.
 
 -  Siamo qui per trovare una nuova identità a Osama, ed io ho la soluzione. - dissi fiero con le 
    braghe ancora calate.
 
  - La metti al posto della Marcuzzi? - mi chiede Drew Barrymore.
 
  - No Drew cazzarola, no l'abbiamo già scambiata la Marcuzzi con Cesare Previti, ma porca zozza Drew! Non ricordi mai la beneamata minchia! Cesare cacava di continuo, quel ruolo era ideale per lui, stai zitta o ti sostituisco con Magioglio – ero incazzato, Drew Barrymore solo perché eravamo stati insieme, crede di poter mettere il becco su tutto.

   - Comunque – riprendendo il discorso – io pensavo a Sergio Marchionne.

Stupore in sala, il poliziotto dei Village People si tocca le palle, Obama diventa bianco, la sala ovale quadrata. Con il labbro superiore tremante, il poliziotto dei Village people si rivolge a me:

   - Ma sei sicuro? - e serra ancora di più l'asfissiante stretta ai coglioni.
 
   - Si caro poliziotto dei Village People, pensateci è il ruolo ideale. Marchionne sta già sul culo a tutti è vero, e bisogna dirlo sta facendo un grande lavoro, ma con questo cambio otterremmo in minor tempo due risultati : 1 A Osama piace stare sul cazzo alla collettività, 2 forse la Fiat farà auto migliori, lo so sembra impossibile, ma forse.... - ero carico.
 
   - Ok a me piace – disse Barack Hussein Obama II , avete capito bene Hussein, avete capito?

Alla fine tutto il consiglio da l'assenso, e il progetto parte. E in questi mesi stiamo vedendo i frutti, ma secondo voi tutte le cazzate dette e fatte non hanno finalità? Certo che ce l'hanno, farsi schifare dalla maggioranza dei normodotati di intelletto, tra i quali non c'è nessun dirigente Fiat.

Pare, ma prendetelo con le pinzette quello che sto per dirvi. Pare che riescano a risolvere anche l'angosciante e storico problema della Fiat, cioè far esplodere le auto dopo almeno 1000 km e non appena comprate. E forse, forse!, riescono a fare un modello bel...carino.

Nella notte lo squillo di una telefonata rompe il silenzio del mio studio, alzo la cornetta e riconosco la voce dall'altro capo del telefono e del mondo, era il poliziotto dei Village People mi dice:

   - Sai io ho un nome, mi chiamo Ermete.

   - Lo so, buonanotte poliziotto dei Village People.

QUESTI PAZZI ITALIANI.

Satira di difesa 21/2/2012


Sono un alieno mi chiamo Xingif, ma voi potete chiamarmi Pericle Borlazzi. Io e la mia gente veniamo dal pianeta Sturgloff nella galassia Nania anello 8 piano 2 scala B. Siamo da secoli in Italia, per coprire la nostra base abbiamo creato la città di Sulbiate. Si è per questo che la gente di lì sembra strana e no Mengacci non è di Sulbiate.

Vi studiamo da tanto tempo, e ormai vi abbiamo preso a cuore, ma nonostante i nostri tentativi abbiamo costatato che siete giunti ad una totale ed irreversibile follia, siete talmente matti che non ve ne accorgete neanche e vivete come se tutto quello che vi circonda fosse logico e normale. E' nostro dovere avvisarvi, gli esempi sono tanti:

La coccia che ha fatto traboccare il vaso è stato Sanremo, è lì che ci siamo ribellati e abbiamo deciso di parlarvi. Ne abbiamo viste di stronzate nella nostra vita, ma il duetto D'Alessio-Bertè le ha superate tutte. Ma come si fa un'artista, il quale ha cantato tanti successi, è internazionale, andarsi a sputtanare con Gigi D'Alessio? Ne ha fate di cazzate la Bertè, ma questa è la peggiore. E voi lì a televotare, avete televotato invece di andare da quello sfrangiamaroni di D'Alessio e scartavetrarlo da quel palco.

Vi sentiamo in giro per i bar o negli autobus parlare di economia, di spread di titoli di stato, ma di cosa parlate non vi rendete conto che dite cretinate inaudite? Non sapete neanche come si accende la luce del frigo e parlate di politiche europee? Non avete neanche più una democrazia, vi hanno commissariato e parlate di fare elezioni? Vi parlano di fondo europeo salva stati, a giugno vi dovrebbero dare 8 miliardi di euro, ma in cambio per iscriversi al fondo voglio dall'Italia 90 miliardi di euro. Voi siete pazzi lo state accettando come se niente fosse. Ma se non avete 8 miliardi, come farete a cacciarne 90? Pazzi! Avete bisogno di lavoro e voglio cambiarvi l'articolo 18 per licenziarvi più facilmente. Pazzi!

E' peggio di quella volta che creammo la Lega Nord. Si la creammo noi, nei nostri laboratori avevamo inventato una sorta di “calamita per gli stronzi”, era una calamita che attirava degli stronzi appunto, infatti l'avevamo provata con la nostra cavia di laboratorio Calderoli. Si Calderoli non è così di natura è il risultato di vari esperimenti volti a trapiantargli un cervello, tutti falliti. Insomma nella gabbietta dove Calderoli correva nella ruota, inserimmo questa calamita e lui fu come sbalzato dalla ruota e si attaccò ad essa. Successe la stessa cosa con l'altra cavia Bossi.

Purtroppo le cavie fuggirono e trasformarono la “calamita per gli stronzi” in un partito la lega nord, e ne calamitarono di stronzi. E voi li avete votati malati di mente che non siete altro. E state ancora a parlare di democrazia? Pazzi!

Prendete uno gli mettete in testa un criceto morto e gli fate allenare la Juventus? Ma state bene? Lo chiamate anche allenatore, ha il rivolo di sangue della bestia che gli cola sulla fronte. Ma come si fa? Conte fa uno sforzo sovrumano solo per cercare di parlare italiano, dice una parola ogni quarto d'ora e voi lo state anche a sentire? Si lamenta degli arbitri loro che li hanno corrotti per anni, ma andiamo e parlate ancora di calcio di vittorie e sconfitte? Siete talmente Pazzi che ci scommettete pure.

Scommettere e giocate su tutto , anche su quanti poliziotti sono andati a prendere Doni. Ma non capite che il calcio serve solo per farvi scommettere, ma non vedete che vi riempiono di pubblicità dove vi invogliano scommettere e poi fanno i paraculi con la frase “gioca responsabilmente”. E' come mettere Berlusconi con delle troie e poi dirgli “tromba responsabilmente”.



ANESTESIA TOTALE

Satira di difesa 16/1/2012

Da quando c'è il governo tecnico, i partiti sono quasi spariti dai media e sparendo hanno lasciato la Tv da sola a colmare il vuoto che hanno lasciato i vari politicanti. Prima di Montacci tua, l'attuale premier, te li ritrovavi da per tutto i politicanti, ora a Porta Portese a farsi ungere da Vespa in Kway, ora alle previsioni del meteo a dire che la perturbazione che proveniva dall'atlantico era colpa del precedente governo.

Per riempire questi vuoti si fa approfondimento politico ormai in ogni trasmissione, il guaio è che si fa parlare il primo stronzo che passa,o se vi fa piacere il primo Giletti che avanza. E' cosi ci tocca vedere questi Magiogli che parlano a Domenica In di politica, si avete capito bene non vomitate per cortesia, riducendo il problema dei nostri pessimi rapporti con Francia e Germania ad un :”A Sarkosy ggli impariamo noi la moda”.

Rai due risponde con quella faccia da  Milo che conduce “Italia sul due” il tema è la crisi economica e la disoccupazione, Milo invoca speranzoso “Daniele cosa ne dici” il Daniele in questione è Daniele Interrante, noto ai più come l'amico di Costantino, se state pensando “e sti' cazzi” sappiate che è anche il mio pensiero. A quest'ominide del lavoro gli è sconosciuto persino la parola, dato che a esso ha preferito Lele Mora. Ebbene la sua opinione, degna di un economista di Cambrige, la snocciola con la classica faccia da “situazione triste” : “la situazione è drammatica, la gente è in difficoltà”, per lo sforzo celebrale fatto, mette la testa in un cestello per il ghiaccio della Moet Chandon.

Ma abbiamo visto di tutto e di tutti parlare di economia e finanza, persino la Mussolini, col solito fare da mucca pazza. Siamo stati invasi da parole senza concetti di fondo, una su tutte è lo spread. Tutti ormai ne conosciamo la definizione, ma cos'è in realta ? Che influenza ha nella nostra società? E' legato alle borse o alla finanza ? E' possibile fermarlo? Per tutte queste domande non c'è spazio in Tv, forse un po' sui giornali. La Tv pensa solo ad invaderci la testa è riempirla di parole, come in 1984 di Orwell, siamo li a dire spread spread e a insultare il nemico indicatoci dalla Tv, come nel libro prima era l'Eurasia e poi cambiava ed era l'Estasia.

Lo stiamo facendo adesso, oggi con i tassisti. Ci hanno indicato il nemico e stiamo gridando “abbasso i tassisti” siamo sicuri che sia questo il problema principale? Non bisognerebbe prima occuparci delle vere caste che hanno affossato questo paese?

Non ce ne stiamo accorgendo ma stiamo facendo il gioco di chi ha in mano questo paese che spinge alla guerra tra poveri, attacchiamo i tassisti che sono dei lavoratori che hanno famiglia e non sono miliardari, forse c'è solo qualche furbo tra loro.  Mentre non si dice niente sulle aziende quotate in borsa che hanno consiglieri in comune e bloccano la concorrenza e lo sviluppo tecnologico, che fanno cartello facendo tutti lo stesso prezzo (vedi la telefonia), che falsificano i bilanci per far salire le azioni rubando i soldi dei piccoli azionisti, i quali comprano le azioni che i manager delle stesse aziende rivendono dopate.

Non diciamo niente dei petrolieri che comprano tutti il petrolio dallo stesso fornitore, ma ci fanno prezzi diversi, che ci vendono il petrolio della Basilicata come se venisse dall'Iraq. Questi signori creano danni, questi Tronchetti Provera e company fanno stragi di lavoratori e poi vengono venerati dalla Tv e stiamo lì ad invidiarli invece di odiarli.

Tassisti e notati probabilmente dovranno essere riformati, ma solo alla fine di riforme totali della nostra società, è vero più notai significa prezzi più bassi, ma poi la casa chi la compra? Più tassisti significa un po' di occupazione in più, ma il taxi chi lo prende?

LA STAGIONE DELL'AMORE

Satira di difesa 25/11/2010

Emilio Fede picchiato. Ricoverato il pazzo, ancora libero l'aggressore.

Emilio Fede picchiato in un ristorante, l'amaro gli ha fatto male.

Emilio Fede pestato. Porta fortuna.

Dopo Capezzone anche Fede picchiato,Cicchitto per sicurezza si chiude in casa.

Montezemolo :"Devo fare qualcosa per l'Italia". Tipo stare a casa.

Gli studenti manifestano conto la riforma della scuola. la Gelmini:" E' inaccettabile, io non faccio riforme"

Il ministro Gelmini "Questa è una riforma epocale". Infatti dopo di essa non ci sarà più la scuola.

Ricercatori sul tetto della facoltà di Architettura. Illusi credevano di sfuggire alle visite dei politici

Perquisita la casa Farmaceutica Menarini, Maxi sequestro da un miliardo di euro. La supposta stavolta se la sono presa loro.

Berlusconi:"Irresponsabile andare al voto” certo potrebbe perderle.

Boldi :“Io con De Sica se il premier torna con Fini” .Insomma è una questione fra comici.

MANGANELLO DELL’AMORE.

Satira di difesa 13/11/2010



Siamo in un periodo di confusione tale che non si capisce più niente,. Il Puffo Puttaniere non ha più la maggioranza ma non si dimette, molti si aspettano che occuperà il parlamento a vita magari sul tetto, come a Brescia e magari facendo anche il gesto estremo del cappio al collo…di Bondi ovviamente mica è fesso lui.

In questo stato di confusione, in cui le istituzioni sono in balia di cialtroni analfabeti inetti , o per farla breve di Calderoni e affini ruttanti, l’unico interlocutore del cittadino è una pacifica squadra di celerini in tenuta antisommossa. Questo corpo della polizia di stato è l’ultimo residuato del fascismo che abbiamo, e quindi, essendo dello stato, fanno di tutto per tutelare l’incostituzionalità. Il manganello è lo strumento che usano per impartire il dialogo, dialogo spesso interrotto dal manganello stesso che tende a spezzare ossa e denti dell’interlocutore dal lato opposto, scienziati del ministero dell’interno hanno dimostrato che il problema è causato dal manifestante che sviluppa un’endorfina, la quale attrae il manganello al corpo dello stesso, un effetto calamita insomma.

Quindi ecco una guida su come evitare di essere manganellati, se malauguratamente il governo  facesse di casa vostra una discarica di rifiuti nucleari senza avervi chiesto il permesso.

FASE 1 RICONOSCERE LA CELERE. In genere sono un gruppo ben nutrito vestiti con una tuta imbottita, hanno un casco blu, un manganello su una mano e uno scudo sull’altra, per difendersi dall’alitosi delle vecchiette che pestano. Il capo è ben riconoscibile, in genere è sempre vestito in borghese ed è elegante, strilla sempre e si muove come se avesse una mazza nel culo ( e forse è così). Inutile dialogarci il capo riesce ad apprendere solo due parole consecutive, ed è l’intellettuale del gruppo, dopodiché ordina la carica a prescindere.

FASE 2 METODI PER EVITARE LE MANGANELLATE:

Non usare mai : anziani, bambini, portatori di handicap, malati, donne incinte, non servono a niente picchiano comunque.

1 Cospargere il vostro corpo, e quello degli altri manifestanti, di merda. Eh si ! elementare ma geniale, chi secondo voi attaccherebbe un gruppo di persone coperto di merda. Forse D’Annunzio, ma è morto.

2 Portate con voi statue di santi e crocifissi abbastanza grandi, se mai decidessero di attaccarvi, immaginate il casino che succede a livello mediatico, la madonna presa a manganellate, dopo si che piangerebbe. Inoltre il crocifisso può essere usato come spada e se gli date fuoco potete passare all’attacco. Yeeah! Porgi l’altra guancia stronzo!

3 Vestitevi da fascisti, si sa che non attaccano i loro simili. Magari riuscite a mimetizzarvi bene, e a qualche celerino potrebbe scappare anche una lacrimuccia in ricordo dei bei vecchi tempi.

4 Fatevi scudo con dei parlamentari del PDL, ne hanno tanti di ricambio….

5 Picchiateli con il quotidiano “La Repubblica” del venerdi, in pratica con gli inserti arriva a pesa re 30 chili.

6 Quando vedete che stanno per arrivare, gettategli contro Capezzone, sta talmente sul cazzo a tutti, che si sfogheranno per ore.

Secondo me il miglior metodo, a parte quelli già elencati, è quello di vestirsi come loro, usare il casco senza identificativo e farsi forti col gruppo, come tutti i codardi.

UN ESTATE ITALIANA

Satira di difesa 11/8/2010

Umberto Bossi: << Siamo nella palude>>. Finalmente è entrato in una sede della lega.

Cossiga in rianimazione, il medico :<<Condizioni gravi ma stabili>> come questo paese.

Recapitato, in una busta, un proiettile al figlio di Ciancimino. Il timbro postale è di Arcore.

Corte dei Conti contro Protezione civile :<<Lavori urgenti per dubbie emergenze>>. Bertolaso: "Da quando in qua un pompino è una dubbia emergenza?"

Di Pietro:<< Berlusconi pensa al colpo di grazia >>. No dai accanirsi su un cadavere no.

Migliorano le condizioni in india, ma 50 italiani restano bloccati. Non vogliono lasciare un disastro per un'altro.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo crisi cossiga bossi ciancimino

permalink | inviato da Liberazona il 11/8/2010 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

QUEL CLANDESTINO DI CRISTO.

Satira di difesa 26/11/2009

C'è la realtà e c'è la politica dei politicanti, la quale sembra provenire da un altro mondo tipo Topolinia o Paperopoli non si sa. Nel mondo reale c'è la crisi economica le piccole e medie aziende chiudono, le grandi tipo la Fiat ne approfittano per chiudere in Italia le fabbriche, i disoccupati aumentano e la cassa integrazione non basta, le case vengono tolte a chi non può più pagare il mutuo, in tutto questo vediamo la nostra politica di cosa si occupa.

Processo breve. Come ho già detto chiamare questa ghedinata “processo breve” significa fare il gioco del Nano delle Libertà(sue), chiamiamolo “inculata lampo” la gente capisce. Zenigata Alfano si arrabatta in spiegazioni insensate, l'opposizione basta solamente che dica :”questa legge mette una scadenza ai processi senza dare gli strumenti per velocizzarli veramente” , ma non lo fa e non chiarisce la cosa ai cittadini. Le statistiche dicono che gli italiani non vogliono leggi salva-Nano, ma Zenigata Alfano pur di giustificare questa legge è disposto a fare di tutto, voci affermano che per fregare la gente la voglia chiamare “legge Alfano-Perry Mason”. E comunque abbiamo visto come si muove il governo sulla giustizia, arriva la richiesta di arresto per Cosentino, ma loro la bloccano.

White Christmas. Belle parole inglesi per un orrore italiano, a Coccaglio in provincia di Brescia queste parole significano “natale di razza bianca”, il sindaco leghista Claretti andrà casa casa per sgominare clandestini. La mamma dei coglioni è sempre incinta e sforna leghisti, dopo quest'iniziativa quel clandestino extracomunitario di Gesù è sceso dalla croce e se ne andato da scuole e chiese, le sue ultime parole sono state “Non perdonarli, sono degli stronzi”.

Pausa pranzo. Gianfranco Rotondi si è fatto sentire, era l'unico esponente del governo che non aveva ancora detto una puttanata dall'inizio della legislatura, si è riscattato subito. Per il nostro eroe il problema del lavoro in Italia è la pausa pranzo, detto da uno che fa il “ministro per l'attuazione del programma” (cioè?) è uno spettacolo, ormai le offese ai lavoratori sono quotidiane, soprattutto da chi non ha idea di cosa sia lavorare.

Acqua privata. Altra legge che aiuta la gente è la privatizzazione dell'acqua, non fate così ne avevate tutti bisogno, la pagavamo troppo poco vuoi mettere invece pagarla di più, chi non può pagare pazienza berrà urina, che è comunque buona piena di zuccheri la consiglio a tutti soprattutto a chi fa attività fisica. E' fantastico come questo governo vada fottutamente contro mano rispetto al resto del globo terraqueo, noi siamo così, siamo quelli che vogliono entrare dall'uscita e continuiamo ad andare avanti nonostante la folla umana che ci investe. In Bolivia privatizzano nel 2000 e dopo pochi mesi sono costretti a rifarla pubblica a causa delle bollette troppo alte, la gente era disperata e indebitata. A Parigi stanno facendo lo stesso, ma noi siamo ricchi non abbiamo questi problemi.


PS Draghi al governo: «Al Sud ritardi allarmanti la criminalità blocca l'economia» (corriere della sera) uee buongiorno e benvenuto in Italia.

LA VERITA’ RENDE GLI UOMINI LIBERI.

Informazione 9/11/2009

Sono momentaneamente impegnato a difendere i miei diritti di lavoratore, quindi non sono stato e non sarò molto presente nel blog. Non credevo che in emilia-romagna, a Reggio Emilia, sarebbe stato necessario, ma è così. Io vengo da Napoli dove ormai si è abituati a non avere più diritti, e soprattutto a non difenderli, è stato un po’ duro per me vedere che anche qui la storia si ripete.

 

Lavoro in un’azienda che all’improvviso non paga più i lavoratori e si rifiuta di dare spiegazioni più approfondite, non mostra una carta, un bilancio, una cosa qualsiasi per informare i propri lavoratori. Anzi pretende che essi, i quali già da settembre non vengono pagati, continuino a lavorare fino a fine anno “poi se ci sarà un compratore si vedrà”.

 

Per me è poco una spiegazione del genere. Se un medico ti dice che stai morendo ti fa vedere una cartella clinica, un’analisi o qualcosa di simile, la quale diventa tua e puoi farla vedere ad un altro medico, perché anche se ti fidi di lui, può sempre sbagliarsi. Questo oggi, dove lavoro io, non accade, cinquanta persone senza stipendio non sanno perché la loro azienda sta morendo.

 

Io e altri colleghi abbiamo chiamato un sindacato per capirne di più, e nonostante le minacce andremo avanti. Io se devo morire voglio sapere perché. Io combatto.

PARLI PURE TANTO ORMAI.....

Satira di difesa 22/12/2008

Per cortesia uno alla volta, non accavallatevi, o come direbbe i principe De Curtis “un fesso alla volta”. Troppe cialtronerie sparate così a caso confondono la gente, la disorientano. Ormai la tv nostrana è una specie di bar dello sport dove se ne sentono di tutti i colori, una specie di gara a chi la spara più grossa. La fiera della vaccata insomma.

Domenica In affronta il problema della crisi, e subito troviamo il genio con la soluzione in tasca. Una straniera che rappresenta il made in Italy (del lusso), la quale con una certo fare snob, dava la sua soluzione : gli operai lavorino un ora gratis al giorno. Sparata la cazzata in studio c’era chi sgranava gli occhi, chi rideva per non piangere e chi si chiedeva “da dove è uscita questa?”. Purtroppo la signorina non sa che ci sono tantissimi operai che regalano l’intera giornata di lavoro, chiedesse all’Eutelia.

Ma alla cialtroneria non c’è mai fine e Studio Aperto lo sa. Diciamo che più che cialtroni lì ci si dedica alla menzogna sfacciata. Il tg di Italia1, e scusate la parola tg mi è scappata, in tutte le sue edizioni di domenica 21 dicembre ha in pratica fatto passare, con enfasi tipica degli spot del dentifricio, l’idea che la crisi in realtà non c’è. La gente compra più degli anni passati e i commercianti vendono, il tutto con relative interviste sia degli uni che degli altri.

In pratica il resto del globo terracqueo si sbaglia, e solo studio aperto ha scoperto la verità….cosa non si fa pur di dar ragione al padrone. In realtà dove è l’inganno; in pratica hanno citato i dati di confcommercio relativi al settore del lusso, che è stabile e liemente in rialzo dato ce i ricchi (come i poveri) sono in aumento. Insomma il tutto per rinforzare l’ottimismo del NanodelleLibertà(sue), spendete e indebitatevi.

La questione morale è ancora in primo piano, ma da noi a parlarne sono i buoi che danno del cornuto agli asini. Sentiamo continuamente dei pregiudicati, o delle persone che hanno pregiudicati gravi nel loro partito, dire cosa bisogna fare per riportare la morale nella politica. In pratica e come se Riina facesse lezioni di educazione civica ai bambini, cioè follia.

Alla banda di cialtroni si inserisce anche SacchettoSacconi, il quale solo per il fatto di essere stato nominato ministro del lavoro, crede di essere capace di risolvere i problemi. Vabbe allora io mi nomino Superman e adesso volo. Prima appoggia la detassazione degli straordinari, per incentivare lavoratori a lavorare di più. Resosi conto della inutilità del provvedimento, visto che già si lavora oltre le otto ore normali, torna indietro. Anche troppo.

Rispolvera una vecchia e buona idea di sinistra, che pian piano molti paesi nel mondo stanno applicando e cioè : “lavorare meno e lavorare tutti”. Ma anche qui c’è la magagna perche mentre quell’idea prevedeva una riduzione dell’orario di lavoro, ma allo stesso salario recuperando soldi dallo spreco di produzione. La proposta di Sacchetto prevede la riduzione oraria, ma anche del salario, cioè i salari che già sono bassi vengono ridotti ancora di più che ideona. In pratica siamo passati da conflitto d’interessi al conflitto mentale. Come fa la gente a spendere come prima della crisi, se durante la stessa gli si riduce il salario ?

Mah forse solo Kafka ha una soluzione, ma purtroppo non può darcela.

NOTIZIARIO MANICOMIO.

Satira di difesa 14/10/2008

ORE 10:00 VIGILANZA RAI – Ancora in alto mare la nomina del presidente della vigilanza Rai. La nomina, che spetta all’opposizione, non è gradita in quanto trattasi di una brava persona cioè Leoluca Orlando. Dal PDL fanno sapere : << Noi siamo per la democrazia, l’opposizione è libera di votare chi scegliamo noi >>. Veltroni dice “OK “ ma ad alta voce però…

ORE 10:30 GIUDICE COSTITUZIONALE – Rivoluzione alla Corte Costituzionale, dopo l’abbandono di Vaccarella (avvocato civilista del Nanopremier) è stato proposto un nuovo giudice, dall’alta integrità morale : Gaetano Pecorella (avvocato penalista del Nanopremier). In pratica una rivoluzione totale. Di Pietro dice un no secco, Soro (PD) prima lo riteneva "non opportuno” ma dopo essersi reso conto di stare all’opposizione, dice che "c'è un generale apprezzamento univoco nei confronti di Pecorella". Gasparri : << non ho niente da dire – e aggiunge mentre gioca con la plastilina - ha già parlato Soro, guarda che bel cane ho fatto>>.

ORE 11:00 CRISI – Il piano di salvataggio della UE è partito, ogni paese si impegna a salvare le banche, in alcuni casi si nazionalizzeranno le banche. Molti governi della UE si sono impegnati comunque per “cambiare i manager incapaci e truffatori” ai vertici delle banche e far restituire i guadagni accumulati. Geronzi dice :<< meno male che non vivo in UE ! >> e saluta i piccoli risparmiatori Unicredit, mostrando la sua manetta d’oro al polso.

ORE 12:00 RIFORMA GELMINI – Proteste in tutta Italia contro la riforma Gelmini per la scuola. Scioperano le università in molte città d’Italia, e si prevedono manifestazioni in tutta la penisola. Il ministro Gelmini dice alla stampa : << Il governo si ha impegnato per la sguola, noi sapessimo l’importanza della coltura. – e aggiunge – Prendetevela con Tremonti e lui che mi ha detto di tagliare…sniff>>