.
Annunci online

ANCORA TUU, MA NON T’AVEVANO MANDATO A FANCU

Satira di difesa 5/5/2010

Diciamoci la verità, sinceramente, a chi non è mai capitato di avere una casa in regalo senza saperlo. Scajola è incolpevole e giustamente dichiara: «Non posso sospettare di abitare in una casa pagata in parte da altri», ecco sospetta lui. Anche un mio amico per sbaglio girava in una macchina che poi ha scoperto non essere sua, ogni mattina per entrarci doveva rompere il finestrino, ha iniziato ad avere dubbi quando, dopo un anno, notava che ogni mattina doveva rompere sempre lo stesso finestrino nonostante lui non lo facesse mai riparare. La magistratura comunista però non gli ha creduto e lo hanno accusato di furto, bah non c’è più giustizia.

La distrazione, è questa la causa e non mi dite che è impossibile perché capita a tutti. Tu stai lì nel tuo appartamento e dopo 15 anni di distrazione ti ricordi che la casa ti è stata regalata, e pensi “a chi sto pagando il mutuo allora?”. Anche a me la distrazione fa brutti scherzi, per il mio addio al celibato i miei amici mi hanno pagato una troia, nonostante non dovessi sposarmi. Mi fecero lo stesso regalo il 20 gennaio per il mio compleanno anche se sono nato ad agosto. Comunque nonostante la ragazza indossasse solo un perizoma a novembre, non avevo capito che fosse una prostituta credevo che il pasticcere l’avesse chiusa per sbaglio nella torta, può succedere. Anche da piccoli capita di andare a ficcarci in posti strani. Sta di fatto che sono un puttaniere per distrazione.

La cosa che mi fa più stupire e che ci stupiamo del caso Scajola. Ma che Scajola fosse un incompetente, come ministro o amministratore pubblico in genere, già si sapeva, egli ha dato prova al mondo intero di come la parola “incapace” non basti per definire la sua inettitudine . Lasciamo stare gli “esordi” in politica con la galera, quella in certi partiti fa curriculum. Era il G8 del 2001 a Genova, il nostro eroe era ministro dell’interno, per consentire ai potenti della terra una discussione su come rimandare le decisioni al prossimo G8, l’Italia ha semplicemente sospeso la democrazia e la libertà.

Non si è mai visto tanta disorganizzazione nel gestire un vertice internazionale, ci sono stati: scontri continui con forze dell’ordine mandate allo sbando; l’omicidio di Carlo Giuliani; migliaia di feriti; strani camion pieni di mazze di ferro che superavano tranquillamente i controlli per andare ad armare manifestanti di destra; il massacro della scuola Diaz; gli abusi nella caserma di Bolzaneto; l’ordine dello stesso Scajola di sparare sui manifestanti. Il tutto obbligandoci a vedere Emilio FidoFede quasi tutte le sere.

Come se non bastasse sempre da ministro dell’interno, il nostro Claudio si è distinto per altre gesta da statista, il quale ha come unico interesse il benessere della nazione. Si parla tanto di auto blu e dei relativi spechi, ebbene Scajola ha fatto di più ha creato l’aereo blu. In pratica il nostro eroe ha obbligato l’Alitalia a creare una rotta Roma – Alberga con voli quotidiani, in modo che potesse tornare la sera a casa sua. Evidentemente a casa ha qualcuno che sa fare bene i pompini, non trovo altra spiegazione. Rotta sospesa appena il ministro si è dimesso nel 2002.

Altro gesto infine, che ne ha portato alle già citate dimissioni, è stato gli insulti a Marco Biagi, ucciso dalle BR il 19 marzo 2002, definendolo un rompicoglioni.

La sua carriera politica poteva finire qua, ma un elemento del genere, nel governo del Puffo Puttaniere, non poteva restare da parte ci sono tante cose ancora da distruggere e poco tempo per farlo. Nel 2003 ritorna nell’ancora sconosciuto ministero dell’attuazione del programma,ovviamente ripristinando il volo Roma-Albenga e che cazzo.. Riesce a non lasciare nessuna traccia, e si vede dalla penosa situazione attuale, nei ministeri dell’attività produttive (governo Berlusconi III 2005) e nel ministero dello sviluppo economico (dal 2008 fino al 4 maggio 20010, governo Berlusconi IV).

Era lì nella sua bella ombra a farsi i fatti suoi quando l’inchiesta legata ad Anemone e agli appalti irregolari colpisce anche lui. Neanche qui ci sono novità la passione per il mattone nel governo del Nano Liberticida è assai diffusa, vedi Matteoli. C’è il libro “Il partito del cemento” edito da Chiarelettere che spiega chiaramente come il duo Burlando-Scajola stia cementificando la Liguria strafottendosene delle regole, quindi niente vergini a gridare allo scandalo.

Mi chiedo ma in un paese dove il tasso di corruzione è aumentato del 229% rispetto al 2008 di cosa ci meravigliamo? Hai voglia ad arrestare gente, adesso tocca ad un altro verginello, il Camerata Ciarrapico. Siamo circondati da incapaci, mediocri e ladri che tutti insieme formano la classe dirigente italiana. Lunedì 3 maggio a “Otto e mezzo” il sotto(o sub) segretario alla giustizia Casellati illustrava in modo penoso la lotta del suo governo alla corruzione,insieme al comodore 64 che è collegato al cervello di Alfano. Ormai non riescono neanche ad autoconvincersi delle puttanate che dicono, la poveretta si arrende alla prima obiezione del rappresentante dell’IDV, vogliono combattere la corruzione con un premier che ha corrotto testimoni e finanzieri, dai su rubate ma almeno non siate ipocriti.



CASA DI CURA RAI.

Informazione 23/9/2008


La tv è folle, la Rai un manicomio.

Porta a Portese
è tornata e alla grande. L’UntuosoVespa sembra aver trovato la formula giusta per fare un edizione ancora più schifosa delle precedentI. Sembra incredibile, ma ci è riuscito. Chi ha detto che “il politico deve aver paura del giornalista” deve definitivamente ricredersi, la stagione 2008/2009 si preannuncia peggiore dei filmati Luce, quelli con il Duce a petto nudo, tanto per capirci. Il super nonno premier, col vizietto per le nipotine, inaugura la prima puntata piena di complimenti, inondazioni di saliva e un po’ di hard con spadaccine che si farebbero “toccare, ma veramente” . Il governo ha in pratica risolto tutti i problemi, ha già fatto tutto, stiamo tutti bene. Fanculo ai comunisti che fingono la fame.

Nella puntata di ieri, del demenziale show, l’Untuoso ospita il ministro della fù istruzione, la TagliolaGelmini con la sua benedetta riforma. Notare bene che ha fare da opposizione c’era un insegnante, mica il Pd, non sia mai venisse meno il dialogo. Tanti complimentoni alla ministra, telefonata in diretta della sua maestra, la quale nonostante l’età, e i tanti allievi avuti, di quella bambina si ricorda benissimo. I nottambuli, che avevano aspettato fino alla fine della puntata per sapere del tentativo, della Tagliola, di comprare l’esame da avvocato a Reggio Calabria, beh sono rimasti a bocca asciutta, neanche una parola. Al sarto Bruno manca solo lo JettatoreTremonti come ospite, già immagino il nostro brandire, a mo di mestolo di Cogne, la pistola spara supposte tanto cara al ministro.

La tv e folle, la Rai un manicomio.                                                                  

Raidue sarà ribattezzata “Rai Ventura”, ormai fa tutto lei, non ci sono più idee e con l’arrivo del programma di Paragone, vice di Feltri a Libero ex direttore della Padania, sembra che stia scavando nel fondo. Proporrei alla Ventura di condurre un programma unico, un “QuelliCheIsolaFactor”. Tanto ormai la Ventura, la De Filippi della Rai, ha messo su un vero e proprio collocamento per “artisti” che speravamo averci tolto dai coglioni, ma puntualmente, come una colite, tornano. “Quelli che” è usato per pubblicizzare altri programmi della Ventura. Vedi gente che per andare in onda è disposta a fare qualsiasi cosa, tranne andare a lavorare. Si umiliano, cercano di fare sketch comici, ma falliscono perché incapaci. All’epoca della Corrida di Corrado, il dilettante allo sbaraglio faceva la sua esibizione goliardica senza pretendere di fare carriera. Questi “vip” invece sono cialtroni, ma si atteggiano a professionisti, è questo il grave.

La tv è folle, la Rai un manicomio.                                                                    

E così tra un offerta-minaccia della CAI, un governo che accusa i sindacati e “consiglia” di firmare, un opposizione che accusa il governo ma “consiglia” di firmare, si arriva a martedì tocca a Ballarò. Uno dei temi è l’Alitalia e chi ti ospita Floris ? Scajola. Si avete capito bene, Scajola. Quest’uomo con una faccia come il culo parla di serietà, da parte di tutti, nel gestire la delicata situazione. Inneggia alla responsabilità, proprio lui che obbligava la compagnia di bandiera a fare un volo, non redditizio, pur di atterrare ad Albenga, vicino casa. Ormai il telespettatore è inerme, resta inebetito, cioè l’espressione intelligente di Gasparri, mentre viene preso totalmente per il culo.


P.S. Scusate la volgarità, ma non l’ho fatto apposta, mi è scappato un “Gasparri” a freddo.


NOTIZIARIO MANICOMIO

Satira di difesa 2/8/2008



ORE 9:00 – il Governo continua la sua opera di modernizzazione del paese, dopo la centrale elettrica a carbone inaugurata da Scajola, il Ministro dei Trasporti Mattioli ha presentato un nuovo aereomobile per migliorare il servizio dell’Alitalia : la Mongolfiera. << Questo nuovo strumento traghetterà l’Italia nel futuro – dice il ministro, e aggiunge – ora vado mi parte la diligenza spero di non incontrare indiani a Tor vergata >>.

ORE 10:00 – Scajola dopo aver dichiarato “piccoli incidenti” i 100 operai contaminati nella centrale nucleare francese di Tricastin, e successivamente aver definito la morte di due operai durante i lavori per la nuova centrale a carbone di Torrevaldaliga “Qualche sacrificio di vita umana”. Il ministro fa sapere alla stampa : << per la nuova centrale nucleare abbiamo bisogno di cento ragazze dai 16 ai 26 anni, tutte vergini da sgozzare come sacrificio alla dea Kali. Questo ci consentirà di ottenere una centrale sicura, Kalimaa Kalimaaaa >>. Sbigottiti i giornalisti che chiedono : << E dove le trovate 100 vergini ?>>.

ORE 11:00 – Il premier Ciuffone dichiara sulla finanziaria : «Manovra di lacrime ma non di sangue», e aggiunge << quando ti inchiappettano mica sanguini, piangi al massimo>>.

ORE 11:30 – Caso Englaro : Vespa dedicherà una serie di puntate di Porta a Portese sulla ragazza da 16 anni in coma. Già pronto plastico della stanza d’ospedale e l’avvocato Taormina che accusa i vicini di stanza. Il buon senso sembra sparito.

ORE 12:00 – Il NanodelleLibertà(sue) dichiara sui rifiuti a Napoli : << A Napoli e provincia non ci sono più rifiuti, quelli rimasti sono sacchetti comunisti e sovversivi che si nascondono quando i camion passano a ritirarli.>> e aggiunge << secondo il Sisde ad aiutare i sacchetti ci sono cellule deviate di Zoccole trotskiste [ratti di fogna napoletani, ndr] >>