.
Annunci online

CRISTO SI E’ FERMATO AD HAMMAMET.

Satira di difesa 13/1/2010



Una settimana movimentata quella che abbiamo lasciato, ma è altrettanto movimentata l’inizio dell’attuale. Ci stiamo avvicinando al decennale della scomparsa di Bettino Craxi, si sta cercando in tutti i modi di fare una maestosa festa con tutte le istituzioni dello stato e pur di giustificare la presenza di queste, si sentono delle cose aberranti che vanno oltre la deficienza e Gasparri.


La santificazione di Bettino ha tante definizioni, chi lo chiama statista, chi gli attribuisce modernizzazioni della politica, chi invece la modernizzazione del paese, d'altronde si sa che l’Italia degli anni 80-90 era al primo posto in tutte le classifiche di sviluppo, eravamo tutti ricchi e grassi, talmente ricchi che incrementammo il debito pubblico solo per provare il brivido dello sforo, i soldi infatti furono tutti utilizzati per gli shampoo di De Michelis. Grazie a Craxi avevamo ferrovie efficienti la disoccupazione non c’era, lavoravano tutti anche chi non aveva niente da fare, mafia e camorra cos’erano?


Da latitante il Messia si è trasformato in esule, molti degli ex socialisti affermano che ha fatto scuola, infatti il suo insegnamento ai discepoli era: “Prendete e dividetela tutti questa è la mazzetta per l’appalto della metropolitana, versata per voi e per tutti in remissione di fattura, fate questo in memoria di me” , e a dire la verità i suoi discepoli hanno ripetuto il gesto anche meglio del maestro.

 

Ma passiamo a cose più fresche, ad un argomento che negli ultimi quindici anni post-craxiani non abbiamo mai neanche ascoltato : Puffo Puttaniere deve salvarsi il culo dalla giustizia. Lo so siete spiazzati, non avete mai sentito una cosa del genere, ma è così. Il Meccano Ghedini è sempre lì pronto a smontare e rimontare ora il codice penale ora la costituzione pur di salvare il deretano di quel “Pezzo Duomo” del suo cliente, la fantasia di quella mente non ha limiti, processo breve, legittimo sospetto, scudo spaziale con circuiti di mille valvole. Voci affermano che Ghedini abbia provato a mandare Puffo Puttaniere in un’altra galassia, ma l’altra galassia accortasi del pacco ce lo ha rispedito, sono alieni mica fessi. Va segnalata però la devozione di Massimo Lupi questo uomo, del quale io posseggo un’immaginetta sul comodino, si batte in difesa del capo sfidando la costituzione,il buon senso, la logica, la grammatica, andrà ricordato quando finirà il berlusconismo.

 

Chiudo con un pensiero al digitale terrestre. Recentemente sono stato un po’ a Napoli, e lì il passaggio definitivo c’è già stato, ed ho potuto apprezzare questa “nuova” tecnologia messa a disposizione del cittadino, e dopo aver visto come va che ho deciso di ribattezzarlo “il Rinale Terrestre”. Per chi, per sua sfortuna, non fosse napoletano il rinale è il vaso da notte, ovviamente quest’ultimo rispetto al digitale è molto più utile e direi anche più tecnologicamente avanzato. Il Rinale Terrestre si blocca di continuo, basta anche un po’ di vento per fare in modo di non vedere una mazza, quindi è peggio del satellite che almeno si blocca quando il tempo è da schifo. Cosa volevate da uno strumento introdotto da una legge firmata da Neurone Gasparri?

 

I canali sono molti di più, ma i “soggetti dominanti” sono sempre gli stessi, molti canali Rai fanno rivedere cose vecchie (almeno gratis), mentre quelli Mediaset fanno altrettanto ma a pagamento ( e la gente gli da i soldi!!), poi c’è lo spettacolo osceno delle reti private, le quali si sono viste moltiplicare i canali gratis, quando già a stento riuscivano a fare la programmazione di una rete, ed è un misto di televendite americane doppiate appositamente male (non ho altra spiegazione), strani cantanti ( che credo vengano da pianeti a noi sconosciuti), show fatti talmente in economia che gli ospiti si portano le sedie da casa. Ed infine, cosa molto grave, il porno è a pagamento!!! Naturalmente questa tecnologia  ha la data di scadenza, internet sta assorbendo tutto e in molti paesi tra poco si trasmetterà solo via rete, e ricordo che il porno è gratuito ( ci tengo a sottolinearlo, ma solo per spirito di servizio non pensate male). D’altronde se siete proprietari di Rete4, e vi stanno togliendo le frequenze, avreste fatto altrettanto.  

MATTI DA NUCLEARE.

Satira di difesa 2 27/5/2008


Riunione segreta del governo per chiarire le mosse da fare nell’immediato futuro. Alla riunione segretissima, chi vi scrive si trova in un posto sicuro e molto largo : la scatola cranica di Gasparri, partecipano : Gasparri, Maroni, il Nanodellelibertà, BingoBondi, LittleTony con Apicella, Scajola, Tonino Carino (era convinto di vedere la partita dell’Ascoli), un maiale (c’è stato uno scambio di persona con Calderoni, Maroni quando è passato a prenderlo si è confuso e lo ha caricato in macchina, mentre si allontanava guardava dallo specchietto il simpatico porcello con la cravatta nel giardino di Calderoli), la Brambilla e una salma egizia che poi ho scoperto essere Vittorio Emanuele di Savoia.

Il vertice di governo è avvenuto in una località ignota ai più: nel doppio mento di Cuffaro, luogo scelto dopo che lo stomaco di Ferrara era già prenotato per un assemblea del PD. Riporterò alcune decisioni prese dalla riunione, per riuscirle a sentire bene ho dovuto asportare alcune ragnatele dal cranio di Gasparri e anche i cadaveri dei neuroni, i quali quando avevano capito a chi appartenevano si sono impiccati. Il Nano fa il suo ingresso trionfate in groppa ad un ippopotamo, ma vedendo meglio era BingoBondi. Il premier saluta tutti si avvicina al maiale e stringendogli la mano dice : << Buongiorno Roberto ti vedo bene oggi>>

ENERGIA. Il Nanodellelibertà(sue) è molto adirato con Scajola a causa delle sue dichiarazioni sul nucleare.

<< Scajola ma che fai ? Ti metti a sparare queste cazzate sulle centrali nucleari addirittura quattro poi >> afferma Ciuffone, e ribadisce << Da oggi in poi, per cortesia più serietà, le vaccate le dico solo io, per risolvere la questione ho dovuto sguinzagliare Chicco Testa a sparare minchiate >>.

Il governo, per giustificare la boutade di Scajola, ha apportato delle modifiche al piano che prevedeva la costruzione di circa 15 casinò, a fare da consulente è stato Vittorio Emanuele. In pratica i casinò passeranno a 11 e con i fondi si pagheranno le consulenze per le centrali. Il Savoia deluso per la modifica del suo piano si consola tra i seni di una sua “accompagnatrice”, che ai tempi di mio nonno l’avrebbero semplicemente chiamata troia.

Sempre per la questione energia, bocciato il progetto della Lega che prevedeva depositi per la raccolta delle scoregge al metano di Borghezio, costava troppo e a malincuore sono stati preferiti i rigassificatori.

TURISMO. La Brambilla ha studiato una nuova strategia per riportare i turisti in Italia, dopo i fatti di Napoli. << Pubblicizzeremo le regioni del nord >> afferma la GiarrettieraRossa e ribadisce : << ho già preparato una campagna per la Svizzera >> . Panico tra i presenti.

Maroni domanda : << Che c’entra la Svizzera ? >> .

La Brambilla : << Come è una delle più importanti e ricche regioni italiane >>.

Ma BingoBondi, da sotto i piedini di Ciuffone, interviene : << Ignorante ! la Svizzera non è una regione italiana >> e il ministro dei beni e delle attività culturali aggiunge :<< è una regione tedesca, studia ! >> .

SICUREZZA. Per tranquillizzare gli italiani verrà approvato un decreto per salvare Rete4 dal satellite, in modo che i fan di Walker Texas Ranger non si sentano abbandonati. Inoltre verrà approvata una legge che permetterà a tutti i proprietari di almeno tre emittenti televisive di poter godere dell’immunità giuridica a vita ed ereditaria. La legge ovviamente non vuole favorire il premier, ma serve per la sicurezza, la sua.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sicurezza rete4 nucleare governo energia

permalink | inviato da Liberazona il 27/5/2008 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

FEDELE ALLA LINEA SEMPRE !

Informazione 14/3/2008



Se fossimo in una rubrica di Mai Dire Gol questo spazio si chiamerebbe “Confalonieri : un uomo un perché”. Il caro FedeleSempre fà un piccolo show durante la presentazione del bilancio della società di cui e presidente, per gli alieni che fossero ancora all’oscuro trattasi di Mediaset.

FedeleSempre si lancia in uno spettacolino imbarazzante, ma cosa aspettarsi dopo tanti anni di gavetta appresso al Nanodellelibertà(sue), adesso tocca a lui, bene il PianistaSull’Osceno dà una visione tutta sua del mondo e della legge, di come rispettarla e di come interpretare le sentenze, ovviamente è un modo di vedere tipico dei pazzi o di chi comunque appartiene alla Banda delle Libertà.

La sagra della minchiata inizia dopo una dettagliata presentazione del bilancio, un giornalista gli chiede un opinione sul caso Europa7 e relativa sentenza della Corte Europea, ebbene FedeleSempre dice : che non ci saranno conseguenze per il suo gruppo - o sarebbe meglio definirlo cosca ? – , che la sentenza non impone a Mediaset di rinunciare a Rete4 e che al massimo è previsto un piccolo risarcimento a Europa7, e qui inizia a denigrare il proprietario Di Stefano trattandolo come un criminale schifoso che non merita rispetto – d’altronde perchè rispettare uno che fa l’imprenditore onestamente senza neanche telefonare a un mafioso, che schifo ! - .

Nel mondo perfetto situato nella calotta cranica di FedeleSempre sarebbe tutto bello se non ci fosse quella stronza della Realtà, infatti delle deliranti affermazioni del PianistaSull’Osceno è vero l’opposto, è cioè che la sentenza della corte euopea, come già quella della corte costituzionale italiana, dicono che la legge italiana prevede che un privato abbia solo due televisioni, quindi a Rete4 viene tolta la concessione per la trasmissione (1994) e le viene imposto di liberare le frequenze a favore di Europa 7, la quale riesce a ottenere nel 1999 la concessione e per di più onestamente ! forse è per questo che Confalonieri non riesce a capire, dalle sue parti “onesta : trattasi di termine ignoto e soggetto a molte interpretazioni”.

Ma il PianistaSull’Osceno non si ferma qui, come solo il suo capo sa fare, inizia ad inanellare una serie interminabile di stronzate una tra tante : << Mediaset sarebbe pronta all’acquisto di Telecom, ma la politica non vuole… >> …uff Fedele non confondere, è la legge che non vuole non la politica…dipendesse da lei saremmo freschi, già il Nano possiede tre reti, una abusiva, tu vuoi arrivare addirittura a cinque !

Ah se solo si desse più importanza a libri come il Codice civile/penale, invece viene trattato peggio del libro delle barzellette scritto da Totti.

P.S. Ho volutamente evitato di parlare dell’ultimo strafalcione del Nano, per rispetto dei lavoratori, e della loro intelligenza.

E SE CI PENSA CALABRO’…..

Informazione 1/2/2008

 

La parola a Calabrò, il caro presidente dell’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni finalmente parla, si fa sentire, esce dalla catacomba dentro la quale si occupa di vigilare sulle comunicazioni, pensate che non c’è neanche il telefono ma lui vigila comunque

Il nostro comunque dichiara alla stampa << In Tv il processo, lo pseudo processo o la mimesi del processo non si possono fare. L'informazione deve essere equilibrata, obiettiva e deve garantire il contraddittorio senza anticipare giudizi su questioni ancora subiudice >> , potrebbe sembrare giusto anche se mi chiedo se parlassi di mafia o camorra in Tv devo invitare che so io….Riina per il contraddittorio ? Dove sta scritto che l’informazione si fa solo cosi ?....bah.

Sempre l’Attentissimo presidente si scaglia poi contro Annozero, che a suo dire viola i principi della pluralità e si presta al “processo mediatico”, il tutto dopo la puntata del programma di Santoro che parlava del caso Cuffaro, tra l’altro VasaVasa era stato invitato ma in un primo momento aveva rifiutato, salvo poi chiedere all’ultimo momento di spostare la trasmissione la prossima settimana. E quindi che si fa ? Non ne parliamo perché l’interessato non vuole ? Ma cos’è il Tg4 ! Ebbene si Rete 4 ha un telegiornale, anche se sembra “l’angolo dell’opinionista” gestito da FidoFede.

Insomma tante accuse a chi cerca di fare un po’ di informazione esponendo fatti, accaduti accertati e non opinioni senza senso, ma invece niente da dire a Porta a Portese. Ebbene l’Attentissimo non si pronuncia sul programma dell’UntuosoVespa, primo esperimento di anguilla presentatrice, che pure c’è ne mette d’impegno per trasformare quello studio in un aula di tribunale tra plastici, biciclette, Taormina con disinfettante (le stronzate che dice si possono trasmettere) pigiami, criminologi, Crepet in maglione o senza oppure con i baffi o sbarbato….sono le armi che usa per distrarre la gente dalle vaccate che spara con semplicità quasi criminosa.

L’Attentissimo quando l’Untuoso metteva in scena l’ennesima ricostruzione dei fatti di Cogne, non si pronunciava, in alcune c’era in studio la Franzoni con l’ameba avvocato difensore Taormina, mancava il pubblico ministero con l’accusa, ma per l’Untuoso la regola del pluralismo non vale. E che vuoi fare pure all’Attentissimo qualcosa sfugge, peccato che agli italiani no e si sono dovuti sorbire questi processi martorianti per l’apparato genitale.

All’Attentissimo però sfugge anche un’altra cosetta, una sciocchezza eh ! la dico solo per dire, l’occupazione abusiva di Rete4 delle frequenze televisive a danno di Europa7. Calabrò infatti se ne accorto solo ieri dopo che la corte di Giustizia UE si è pronunciata in favore di Europa7, bocciando di fatto la legge Gasparri. A questo punto finalmente l’Attentissimo decide la soluzione, modificare la legge Gasparri per velocizzare il passaggio in digitale.

In pratica l’Authority alle comunicazioni, organo che dovrebbe essere indipendente, non chiede che venga finalmente applicata la sentenza della Corte Costituzionale eh no ! lui chiede che si faccia qualcosa per salvare gli interessi del Nanodellelibertà(sue). Mi puzza un po’ e faccio un controllo, Corrado Calabrò è nominato garante dal 9 maggio 2005, il garante viene scelto da Camera e Senato, dunque chi c’era al governo il 2005…vediamo…….CAZZO ho capito…..vabbè finisce a tarallucci e cannoli .


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rete4 annozero europa7 pluralismo calabrò

permalink | inviato da Liberazona il 1/2/2008 alle 13:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa