.
Annunci online

CHE CONFUSIONE SARA’ PERCHE TI LODO

Satira di difesa 16/10/2009



C’è un caos pazzesco, una confusione totale che non fa capire niente della situazione che stiamo vivendo. I Berlusaz,  cioè il manipolo di deviati mentali agli ordini del premier, ormai fanno una difesa ad oltranza del capo senza più scindere il politico dall’imprenditore. Intervengono in tv e giornali con fumogeni e mescolano le carte in tavola.

 

Pur di difendere Puffo Puttaniere ho sentito difendere l’Italia da Castelli, si avete capito bene da Castelli della Lega Nord quella che è contro l’unità nazionale e si riconosce in uno stato inesistente, cioè la Padania, la quale appunto ha la stessa entità giuridica di Paperopoli. “Siete contro l’Italia” tuonava ad Annozero  Castelli, ovviamente i riferimenti a buoi che danno del cornuto agli asini si sprecano. Ma il Castelli continua e ci scappa anche la difesa alle aziende del premier, che onore essere difesi da un esponente del governo.

 

Ma non è l’unico caso ovviamente, ormai Puffo Puttaniere è una confusione vivente e pur di difenderlo si mescola dalle sentenze, per processi di vent’anni fa, alla politica cianciando di disegni eversivi, puttane che andavano a far divertire il premier diventano spie comuniste all’ordine di D’Alema, si avete capito bene Baffetto a Vela è a capo dello spionaggio contro il premier, insomma il PDL è attaccato da un suo dirigente.

 

Ormai c’è un blocco formato da Il Giornale-Mediaset-Mondadori-PDL-Ku Klux Klan, questi hanno unito le forze per il capo e si aiutano per l’obbiettivo finale. Ieri su “Mattino Cinque” condotto da Brachino, cioè uno della manovalanza che si spaccia per giornalista, va in onda un attacco al giudice Mesiano , il quale ha condannato Fininvest a rimborsare 750 milioni di euro. Il programma è una vera e propria palla di merda e Brachino, da buon stercorario, la trascina fino alla demenza aiutato dal  condirettore de “il Giornale”  Sallustri, che è anche la controfigura di Aigor di Frankestein Junior, ovviamente con una moralità più bassa.

 

Il giudice Mesiano viene definito “stravagante” dai due, senza capire perché, viene contestato il fatto che una volta a cena in un ristorante qualcuno, del quale non sappiamo il nome, ha sentito il giudice attaccare Berlusconi, cioè per i due ci sono tutti i presupposti non solo per non farlo giudicare, ma anche per arrestarlo magari, insomma siamo al “un amico del mio amico ha sentito da un conoscente del bar…etc.”. Insomma se un giudice non ha la stessa idea di Berlusconi non può giudicarlo, allora se un giudice critica un notaio che si fa ? Non potrà giudicare i notai?

 

Ma la follia continua, e così si assiste al massimo della follia, parte un servizio in cui si vede una telecamera, che di nascosto riprende il giudice Mesiano in giro per strada, la voce di sottofondo del servizio prende letteralmente per il culo il giudice, ridicolizzando i suoi modi di fare, le persone che incontra e addirittura l’abbigliamento, il servizio infatti chiude con una rivelazione shock il giudice “indossa calzini turchesi”…e si ci sono tutti i presupposti per la galera insomma.

 

E’ strano che proprio loro che inneggiavano alla privacy e al “dividere la vita pubblica da quella privata” si mettano a seguire di nascosto un giudice nel suo tempo libero. D'altronde quello li è solo il primo ministro che va a puttane mentre l’altro è un giudice che ha osato addirittura mettere un calzino turchese.

LO STRANO CASO DI MR.B

Satira di difesa 12/2/2009

Da piccolo ha avuto la stessa maledizione di Obelix, il gallo cadde in una grossa marmitta piena di pozione della forza rendendolo quindi fortissimo, invece B cadde dentro un enorme merda di mucca. La mucca era pazza e solitamente brucava in un campo di Giugliano in Campania, in quel campo sono seppelliti migliaia di rifiuti tossici nocivi. Quindi la merda del bovino risultava tossica anch’essa.

 

Quella merda ebbe un effetto devastante sul fisico e sulla mente di B. Da quel momento in poi divenne una sorta di re Mida, ma al contrario. Infatti quello che toccava, invece che oro, diventava merda. Inoltre anche il suo modo di esprimersi subì mutevoli cambiamenti. Infatti nove volte su dieci egli diceva delle amenità incredibili, terribili e ignobili. Insomma come si dice oggi delle cagate pazzesche.

 

Una maledizione del genere avrebbe distrutto chiunque, ma non B, lui sullo scarto del bovino ne trasse forza. Come feci…ehm fece? Semplice: iniziò a mentire. Egli diceva a tutti che non trattasi di merda ma di cioccolata leccandola di continuo per convincere la gente. Così facendo piano piano iniziò ad avere un seguito di persone e creò il suo impero, di merda ovviamente.

 

Prese soldi da strani personaggi siculi, i quali anche se non erano fatti di sterco, si avvicinavano molto. Costruì case e reclutò strani assistenti come Macello e Vittorio, strana figura metà cavallo e metà mafioso, tra questi spuntava Cesarone mago del pagamento tramite bonifico estero su estero, con il quale ogni cosa avversa a B tramutava in favorevole, successe per la casa editrice. Ovviamente prima era buona, ma dopo che B la toccava diveniva merda, successe successivamente con i quotidiani pubblicava sterco spacciandolo per notizie.

 

Poi toccò a quella fantastica invenzione : la televisione. B creò tre reti televisive e da allora divento merda anch’essa, in intruglio di mignotte e di giornalisti, e nel caso di Emilio, di mignotte che si spacciano per giornalisti. B cresceva sempre di più ed entrò in politica. Da allora divento merda anch’essa. Reclutò servi suoi spacciandoli per servitori dello stato, gente che era disposta a tutto per il potere, essi si nutrivano della cioccalata di B ben sapendo  che non si trattava di cioccolata, ma dicevbano a tutti che era ottima.

 

Il degrado del paese di B fu lento, ma micidiale. B per ottenere quello che voleva era disposto a passare su tutti, morti compresi. Un giorno il padre di una ragazza chiese pietà per la figlia ridotta ad un vegetale. B cercò di approfittare per suoi scopi: aumentare il suo potere. Anche se molti ritennero che in realta l’ominide era coerente. Anni prima l’unico neurone del ministro Gasparri gli chiese la stessa cosa di quel padre, ma B anche in quel caso decise di non staccare la spina da quell’inutile cervello.

 

Da quel momento in poi molti sperano che B non tocchi mai la Costituzione, sarebbe scomodo appassionarsi ad una cacca.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi governo storia mediaset merda englaro

permalink | inviato da Liberazona il 12/2/2009 alle 23:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

FEDELE ALLA LINEA SEMPRE !

Informazione 14/3/2008



Se fossimo in una rubrica di Mai Dire Gol questo spazio si chiamerebbe “Confalonieri : un uomo un perché”. Il caro FedeleSempre fà un piccolo show durante la presentazione del bilancio della società di cui e presidente, per gli alieni che fossero ancora all’oscuro trattasi di Mediaset.

FedeleSempre si lancia in uno spettacolino imbarazzante, ma cosa aspettarsi dopo tanti anni di gavetta appresso al Nanodellelibertà(sue), adesso tocca a lui, bene il PianistaSull’Osceno dà una visione tutta sua del mondo e della legge, di come rispettarla e di come interpretare le sentenze, ovviamente è un modo di vedere tipico dei pazzi o di chi comunque appartiene alla Banda delle Libertà.

La sagra della minchiata inizia dopo una dettagliata presentazione del bilancio, un giornalista gli chiede un opinione sul caso Europa7 e relativa sentenza della Corte Europea, ebbene FedeleSempre dice : che non ci saranno conseguenze per il suo gruppo - o sarebbe meglio definirlo cosca ? – , che la sentenza non impone a Mediaset di rinunciare a Rete4 e che al massimo è previsto un piccolo risarcimento a Europa7, e qui inizia a denigrare il proprietario Di Stefano trattandolo come un criminale schifoso che non merita rispetto – d’altronde perchè rispettare uno che fa l’imprenditore onestamente senza neanche telefonare a un mafioso, che schifo ! - .

Nel mondo perfetto situato nella calotta cranica di FedeleSempre sarebbe tutto bello se non ci fosse quella stronza della Realtà, infatti delle deliranti affermazioni del PianistaSull’Osceno è vero l’opposto, è cioè che la sentenza della corte euopea, come già quella della corte costituzionale italiana, dicono che la legge italiana prevede che un privato abbia solo due televisioni, quindi a Rete4 viene tolta la concessione per la trasmissione (1994) e le viene imposto di liberare le frequenze a favore di Europa 7, la quale riesce a ottenere nel 1999 la concessione e per di più onestamente ! forse è per questo che Confalonieri non riesce a capire, dalle sue parti “onesta : trattasi di termine ignoto e soggetto a molte interpretazioni”.

Ma il PianistaSull’Osceno non si ferma qui, come solo il suo capo sa fare, inizia ad inanellare una serie interminabile di stronzate una tra tante : << Mediaset sarebbe pronta all’acquisto di Telecom, ma la politica non vuole… >> …uff Fedele non confondere, è la legge che non vuole non la politica…dipendesse da lei saremmo freschi, già il Nano possiede tre reti, una abusiva, tu vuoi arrivare addirittura a cinque !

Ah se solo si desse più importanza a libri come il Codice civile/penale, invece viene trattato peggio del libro delle barzellette scritto da Totti.

P.S. Ho volutamente evitato di parlare dell’ultimo strafalcione del Nano, per rispetto dei lavoratori, e della loro intelligenza.

TONINO ATTENTO CON L’ANTENNA !

Satira di difesa 20/2/2008



Un urlo rimbombava nel Castello del ConteNanus, sito nel feudo di Arcore capitale della Padania. Un “no” lungo e straziante, proveniente dalla bocca del ConteNanus medesimo, aveva bloccato tutti gli abitanti del castello , i quali poi ripresi dallo spavento sono corsi tutti nella camera del Conte. Il primo ad arrivare è stato il suo servo personale Bondi, primo caso di uomo fatto interamente di gelatina che lo rende molto viscido, più addirittura del vecchio servo CheSchifani!

Quando finalmente il ConteNanus si riprende spiega il motivo del suo grido, aveva letto sui giornali che il malvagio stregone Di Pietris, uno ossessionato dalla legalità quindi nemico del conte tanto che si è candidato contro di lui alle elezioni, voleva porre fine alla scellerata situazione della tv, quindi anche allo strapotere del ConteNanus che ipnotizzava i cittadini con i suoi canali nei quali vanno in onda giornalisti finti e mignotte vere….e spesso sono la stessa persona. La cosa non migliora per le televisioni pubbliche anch’esse controllate in parte dai fidati GremlinSaccà.

Ma il ConteNanus non si perde d’animo e delega il suo vice conte con una sola palla….del blasone s’intende, a risolvere la questione e così il MonopallaFini contatta subito l’avversario politico del conte, trattasi dell’InformeWalter, un uomo che riesce a trasformarsi in ogni cosa lui voglia Da Martin Luter King a Obama da Kennedy a S.Francesco riuscendo anche a prendere i loro slogan.

L’Informe appena informato della situazione subito scatta con una difesa pubblica al ConteNanus, per carità non sia mai si facessero le cose per bene ! vorremmo mica un paese serio noi !, queste le parole usate per difendere il suo avversario.

Insomma da quello che si potrebbe evincere dalla favola è che comunque vadano le elezioni il ConteNanus ha già vinto, ma questa è solo una favola…..o no ?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. di pietro elezioni mediaset televisione rai

permalink | inviato da Liberazona il 20/2/2008 alle 0:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

QUESTI INGENUI EUROPEI

Satira di difesa 3 7/12/2007

 


Ma quarda un pò che succede in UE , il signor Martin Seylmar, portavoce del commissario Ue alle Tlc, Viviane Reding denuncia che la Tv italiana ha troppa pubblicità, nello specifico per la commissione il numero degli spot è esagerato e l’intervallo tra gli spot di 20minuti non viene rispettato.

Per questo i commissari apriranno una procedura contro l’Italia, ah…che ingenui fanno quasi tenerezza. Ma non hanno mai sentito parlare del Nanodellelibertà(sue) e del regime mediatico che ha creato nel nostro paese ?

Non oso immaginare le loro facce quando scopriranno l’enorme conflitto d’interessi che vantiamo in tutto il mondo. Mediaset è la migliore azienda italiana ha la quota pubblicitaria maggiore del mercato (aquisita col Nano alla presidenza del consiglio……..e non pensate sempre a male , se lo sono guadagnato ! Voglio vedere voi tutti i giorni a telefono con Vespa e soci),Mafiaset..ops Mediaset è seconda solo alla Mafia, con la quale ha spesso collaborato tra l’altro….

Noi poveri telespettatori ormai siamo abituati accendiamo la Tv per vedere gli spot e ci dà quasi fastidio quando un film li interrompe, uno spettacolo come quello di Benigni è quasi fantascienza nella tv nostrana, oh ci vuole attenzione continua per almeno 2 ore….ma siamo pazzi ? Noi siamo delle scimmiette che guardano lo schermo senza attaccare il cervello, secondo i pubblicitari ovviamente.

Che dire UE vede e provvede…..speriamo


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pubblicità denuncia ue mediaset rai spot

permalink | inviato da Liberazona il 7/12/2007 alle 18:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa