.
Annunci online

SOPRESSO A MEZZO STAMPA.

Informazione 27/4/2008



Il successo del V2-Day di Beppe Grillo è visibile dalla sua scomparsa dai mezzi di comunicazione, nei telegiornali poco spazio, il TG3 e il TG di La7 fanno una piccola eccezione ma non approfondiscono molto, In un solo giorno sono state raccolte 1milione e trecentomila firme, risultato storico e che farà sicuramente storia un giorno (speriamo non lontano), ma non è bastato al TG1 ed altri che dedicano molto più tempo ad un salvataggio di un canotto da parte dei vigili del fuoco, il vigile stesso era sbigottito dalle domande della giornalista su un intervento così comune, non è da escludere un edizione straordinaria dove Riotta mostrerà un pompiere mentre salva un gattino da un albero. Ma la tre giorni dei TG si occupa un po’ di tutto dai lunghissimi servizi-angoli cucina, al gossip, alle vacanze del ponte del 25 e ovviamente alle elezioni di Roma. Segnalo un servizio del TG5, andato in onda il pomeriggio del 26, si parla di Positano e, notizia straordinaria, dei turisti, cosa notoriamente sconosciuta sulla penisola amalfitana, ebbene il servizio si chiude col giornalista che dice “L’emergenza rifiuti sembra dimenticata”. Strano perchè solo un paio di giorni prima le emittenti del Nanodellelibertà(sue) sembravano ricordare bene e martellare continuamente nel ricordare la situazione, mostrando tra l’altro sempre la stessa strada con gli stessi sacchetti (ma un po’ di fantasia cacchio), e invece il 26 puff…che sia iniziata la fase 2 ? Cioè quando Ciuffone è presidente non se ne parla più…rimuovere….mah !

Notizia delle notizie FaccettadiGasparri vuole denunciare Grillo, perché si sente insultato..poverino, in realtà è stato colpito nell’orgoglio dato che il terzo referendum riguarda l’abolizione della sua legge che regolamenta la tv. Al giornalista non viene proprio in mente di ricordargli che quella legge è gia stata dichiarata schifosa dall’Europa, di sicuro quindi avremo da farci altre risate.

Nei giornali invece è tutta un’altra storia, in peggio ovviamente, se se ne parla lo si fa male altrimenti si dedicano poche righe sminuendo l’affluenza della piazza (120mila persone circa). Dai giornali c’era da aspettarselo visto che i referendum colpiscono i finanziamenti pubblici ai giornali e l’abolizione dell’ordine dei giornalisti, “l’Unità” in particolare si scaglia contro Grillo, ha perso un’altra occasione per avvicinarsi alla gente, ma d’altronde che pretendete da chi è sotto minaccia del PD. Proprio loro hanno una situazione particolare, i proprietari del giornale, dopo averlo rimesso in carreggiata dal fallimento, vorrebbero vendere a tutti tranne che a Di Stefano (proprietario di Europa7 vi dice niente ?), al quale ovviamente gli viene impedito di acquistarlo dato che avremo poi l’anomalia di un editore puro, che magari dà anche delle notizie vere….ma siamo pazzi ?

Un alro che non perde occasione per stare zitto, ma inondare di cazzate la gente è l’OrridoFacci, il quale continua la battaglia sul “ il Giornale”, l’Orrido è da mesi occupato a scagliarsi e a gettare merda su Grillo con un’inchiesta che anche un ceco capirebbe che trattasi di stronzate. Non si è mai vista una raccolta cosi piena di imprecisioni, voci di corridoio confermate da fonti non dichiarate, fatti attaccati tra loro in modo assurdo e senza una logica. Ma d'altronde cosa aspettarsi dall’uomo che sussurrava al latitante ( era Craxi il latitante in questione).

In linea generale sui siti dei giornali il V2-Day stà sparendo totalmente, il guaio è che i direttori non hanno capito che così è peggio, dato che chi ha partecipato a quella giornata sa come sono andate le cose, e vedendo come viene trattata dall’informazione, non riceve altro che delle conferme, e quindi s’incazza….diventa consapevole…e s’incazza ancora di più.


PS segnalo l'iniziativa "Calderoli Premier", trovate il link di lato, firmate tutti.

IL POLLO E’ INFLUENZATO DALLA MOZZARELLA.

NAPOLInelCUORE 29/3/2008


Nessuno vuole negare che ci siano casi di mozzarelle alla diossina, ma da napoletano non me la sento di far passare questa gogna mediatica in silenzio, non posso sopportare l’ennesimo attacco di incompetenza informativa ai danni della mia città…. Va bene tutto ma sulla mozzarella mi incazzo!

La situazione dell’informazione di questo caso, come in molti altri, è gestita malissimo annunci urlati, allarmi a tutte le ore, avvisi da fine del mondo, mozzarelle assassine che svaligiano banche e compagnia cantando. In pratica stiamo vivendo la stessa cosa avvenuta per l’aviaria, un po’ più soft ma uguale, vi ricordate del terribile virus aviaria ? quella terribile influenza dei polli che doveva seminare morte e distruzione da Pechino a Nuoro. Che ha quasi costretto gente come Amadori al fallimento,e a noi cittadini ad assistere ad uno Sposini che mangiucchiava un cosciotto di pollo in diretta.

Beh che ne è stato, niente finito tutto la malattia non esisteva, tranne qualche caso in Cina, la gente per mesi si allarmava appena vedeva tossire il piccione sul balcone, e lo Stato acquista per qualche milione di euro un vaccino che si scopre essere una bufala, quello, in pratica acquistiamo un vaccino finto per una malattia che non esiste…..ah l’Italia, che fantasia abbiamo.

La stessa cosa si vive per la beneamata mozzarella di bufala campana, parlano tutti meno gli esperti del settore delle asl o di qualsiasi ente addetto ai controlli, abbiamo titoloni sui giornali, che per fortuna si stanno riducendo, e non abbiamo ancora notizie sicure certe sull’entità del disastro. Ma l’importante è allarmare la gente, i telegiornali hanno qualcosa con cui occupare i loro spazzi vuoti, in questi giorni si sono visti addirittura servizi su bambini che ridevano, notiziona dato che nessuno mai ha visto ridere un bambino.

Insomma è stata una manna dal cielo per chi fa informazione, eppure c’è ne sarebbero di cose da dire alla gente, oltre alle mozzarelle si potrebbe parlare seriamente delle elezioni, di chi la gente sarà costretta a mandare in parlamento, da Dell’Utri a Cuffaro passando per Crisafulli, o di quanto ci costerà la campagna elettorale, visto che tutti si danno alle pazze spese tra Camper e Pulmini. Niente neanche un minuto in tv ne una righa sui giornali, sarebbe fare informazione e non stà bene, dobbiamo essere riempiti di cacca ed avere paura perché disinformati.

Nessuno dice che a Napoli, che ricordo per i distratti si trova in Italia, ci sono tantissimi caseifici e allevamenti che rispettano le leggi italiane sui controlli, niente anche qui deve passare come una città o una regione dove si fa tutto alla cazzo di cane e via, è normale che poi un cittadino di Torino si spaventi e non acquisti mozzarella.

Ci viene solo detto che ad esempio la Francia chiude alle mozzarelle, notizia falsa smentita da Bruxelles, trattasi solamente di effettuare giustamente dei controlli. Insomma speriamo che per questo caso si faccia una giusta informazione e non finisca nel silenzio quando ci si accorge che trattasi di bufala.