.
Annunci online

E LO CHIAMANO IMPUNITA’

Satira di difesa 18/6/2008

C’è l’ha messa tutta e alla fine l’ha superato, è ufficiale Matrixciana, la trasmissione condotta dallo Scomodino(a chi?) Mentana, ha superato in servilismo il suo rivale Porta a Portese, del quale è stato sempre una fotocopia. Bisogna dire però che per lo Scomodino la vita è più facile, infatti mentre l’UntuosoVespa deve recitare sempre la parte “dell’Arlecchino servo di due padroni” e cioè disinformare senza offendere l’una e l’altra parte politica, lo Scomodino invece uno ne ha di padrone e lo serve…basta.

Un esempio di come ormai l’informazione in tv non si sa cosa sia lo si poteva vedere dalla puntata di ieri sera dello Scomodino. Il tema era il ddl-vergogna del Nanodellelibertà(sue), cioè il blocco dei processi per i reati compiuti fino al 2002 ( guarda caso c’è un suo processo) e la limitazione delle intercettazioni sia per i pm nell’indagare, sia per i giornalisti vietandone la pubblicazione fino all’inizio del processo (cioè per anni).

Gli ospiti in studio erano Soro per il PD e l’avvocato del Ciuffone-onorevole-componente della commissione giustizia (qualche conflitto d’interesse ?) Ghedini, il quale per l’occasione sfoggiava l’intervento di chirurgia estetica appena fatto : La faccia sostituita col culo. Già da gli ospiti si era capito il capolavoro dello Scomodino. Cioè trasformare il problema del NanoinLibertà, in problemi che hanno tutti gli italiani con la giustizia, con l’aiuto di un ospite.

Infatti veniva lasciato parlare a ruota libera l’Azzeccagarbugli ( Ghedini), con la scusa di spiegare il ddl fa una vera e propria arringa difensiva del suo cliente, con inesattezze plateali del tipo assoluzione invece di prescrizione, oppure descrivendo un fantasioso accanimento dei magistrati verso il suo povero cliente che nulla ha fatto, tranne corrompere qualche senatore o giudice o generale della finanza s’intende. Per poi descrivere il processo Mills, e non solo, alla sua maniera e tutti con lo stesso finale : i giudici hanno creato un processo senza prove…Che cattivi UNGUEEEEEE..

Soro tenta di rispondere ma gli escono una serie di balbettii, poverino non è colpa sua purtroppo è in una trappola ben congeniata, credeva di dover parlare del ddl e non dei processi del Ciuffone. Lui poi da buon PD non conosce bene il suo avversario, e lo ammette pure, non sa dei 7 processi chiusi tra prescrizione e amnistia ( in pratica l’imputato è colpevole ma si è salvato) come non sa o non ricorda che che nello Sme-Ariosto 2, l’imputato è assolto perché ha cancellato il reato.

Insomma Soro si dimostra l’avversario ideale per il Nano. Lo Scomodino fa la sua bella figura, l’Azzeccagarbugli si guadagna il suo onorario, e tutti vissero felici e condannati.