.
Annunci online

BUCATINI ALLA MATRIXCIANA.

Informazione 8/5/2008



La puntata di Matrixciana ( al secolo Matrix) andata in onda la sera del 6 maggio 2008 è un esempio, da mostrare alle università, di come è combinata, male, l’informazione televisiva nel nostro paese. Il Mentana, il quale in Mediaset passa per “scomodo” e comunista, mette su un teatrino nel quale si mescola un po’ tutto senza capirci niente.

Il tema della serata è il V2-Day di Grillo con relativo dibattito sulle fondate o meno dichiarazioni del comico genovese, in pratica, visto il successo della trasmissione di Santoro, lo Scomodino decide di mettere su una puntata operando di copia e incolla, gli spezzoni della manifestazione erano gli stessi di Annozero, ma senza aggiungere niente di interessante e confondere ancora di più la gente.

Gli ospiti in studio si dividevano in tre categorie : Scienziati, giornalisti e politici; per ogni categoria c’era uno pro Grillo e un altro contro. Come scienziati c’erano : Montanari, esperto in nanopatologie (pro Grillo conto gli inceneritori), Michele Giugliano del Politecnico di Milano, specializzato nell’analizzare le emissioni degli inceneritori (contro Grillo pro inceneritori); i Giornalisti : Andrea Scalzi, autore della biografia “Te lo do io Beppe Grillo” (pro Grillo), Filippo Facci (il Giornale), lo so cosa pensate la parola “giornalista” con quella “Facci” suona come un insulto, e me ne scuso, ma il nostro viene presentato così. Facci è autore di un’inchiesta a puntate su Grillo, pubblicato sul “Giornale”, in pratica non si è mai visto un insieme così ingarbugliato di voci di corridoio, di fonti non dichiarate, e di fatti personali (tipo l’accusa di tirchieria o che da giovane andava in giro in tuta) che c’entrano poco o niente con il messaggio che cerca di far passare il comico, e per questo fa almeno dubitare l’uso improprio che il Facci fa della parola “giornalista”.

Infine come politici c’erano: Di Pietro (pro Grillo e aderente al V2-Day) e il mitico Gasparri, autore dell’omonima legge sul riassetto televisivo (salva Rete4, chi ne parla male dice che forse l’abbia scritta Confalonieri, chi ne parla bene dice che sicuramente l’ha scritta Confalonieri) e bocciata dall’Unione Europea.

La tecnica che usa lo Scomodino Enrico e quella di far dire una cosa a chi è pro ed una a chi è contro, vedendosi bene dall’approfondire l’argomento e dal citare fonti d’informazione neutrali, ottenendo come risultato un intrattenimento del telespettatore ma senza un informazione. Quindi alla fine vale qualsiasi opinione, una persona può essere sia a favore di Montanari che di Giugliano visto che a nessuno dei due viene data la possibilità di esporre dati ( e naturalmente lo Scomodino neanche ci pensa, non si sa mai la gente rischierebbe di capire).

Il tutto si chiude con il CamerataGasparri che attacca la persona di Grillo, definendolo assassino ( a causa di una condanna nel 1988 per omicidio colposo, condanna mai nascosta dal comico). il Camerata si mostra inorridito dal fatto che Grillo non voglia i condannati in parlamento essendo lui stesso un condannato, lo so che non capite l’attinenza ma è pur sempre Gasparri, la logica è un lusso che non può permettersi, si dovrebbe apprezzare un pregiudicato che fa un discorso del genere (visto che non è in parlamento). Mi piacerebbe che Gasparri inorridisse anche per i condannati per mafia presenti in parlamento nel PDLC (popolo della libertà condizionale), ma ciò stranamente non avviene mai.

Altro attacco del Camerata è sul condono fiscale fatto da Grillo, durante il governo Berlusconi, sempre criticato dal comico. Il fatto è che il Camerata omette un particolare, il condono è stato fatto per una cifra di ben 500euro, e probabile che ciò sia avvenuto al seguito di un errore contabile, Grillo del condono ha sempre criticato il fatto che favorisse l’evasione, come dai dati si è successivamente visto.

Sono anche i piccoli particolari che fanno informazione.